Trovato Ibis eremita considerato estinto dal 1600

Un esemplare di Ibis eremita è stato trovato vicino Cuneo: si riteneva fosse una specie scomparsa dall’Europa dal 1600, e nel resto del mondo è uno dei volatili più rari. Si tratta in realtà di un esemplare appartenente ad uno stormo che gli austriaci hanno introdotto nei cieli nel tentativo di favorirne il ritorno nel continente

Si chiama Lancillotto l’esemplare di Ibis eremita recuperato sul balcone di un’abitazione nei pressi dell’aeroporto di Cuneo Levaldigi: si tratta di una delle specie di volatili più rare al mondo, e che si riteneva scomparso dall’Europa dal 1600. Recuperato dal servizio veterinario dell’Asl subito allertato, e trovato in buone condizioni, l’Ibis è stato preso in cura dal Centro Cicogne di Stramiano, a Racconigi, dove è stato scoperto che l’esemplare ha due anni e fa parte di un progetto, portato avanti in Austria, di reintroduzione della specie in Europa proprio a fronte dell’estinzione secolare di questa tipologia di volatili.

In base a questo esperimento, ogni anno uno stormo di Ibis, provenienti da diversi zoo del mondo, viene condotto da un parapendio a motore lungo le rotte delle migrazioni che si spostano dal nord al sud del continente, nel tentativo che gli uccelli tornino a riprodursi e popolare i cieli dell’Europa.

--pubblicità--

Evidentemente Lancillotto deve aver perso la rotta all’altezza di Brescia e virato verso Cuneo, dove è stato poi ritrovato. Curato e nutrito nel Centro Cicogne, dove vengono curati numerosi tipi di volatili che hanno bisogno di intervento, l’esemplare è stato quindi restituito agli studiosi austriaci che lo hanno reintrodotto nel suo stormo.

Photo credit: Twitter.com

LEGGI ANCHE: