Italiani sempre più sovrappeso: uno su tre è sedentario

Diffusi i dati dell’Istituto Superiore di Sanità che ha registrato un’aumento dell’obesità in tutta Italia, specialmente al Sud: quattro italiani su dieci sono sovrappeso, un terzo è sedentario. Aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

Italiani popolo di obesi: un triste e allarmante quadro quello dipinto dai dati del sistema di sorveglianza Passi dell’Istituto Superiore di Sanità che, per la prima volta in dieci anni, ha registrato un aumento dell’obesità generale in tutta Italia con quattro persone su dieci in sovrappeso o che soffrono di obesità, e livelli che raggiungono il 50 per cento soprattutto nelle regioni del Sud.

L’obesità è infatti spesso legata a parametri sociali come il basso livello di istruzione o le difficoltà economiche, insieme agli stili di vita sbagliati che sovrappongono ai dati sul sovrappeso quelli legati all’inattività. In Italia, un terzo delle persone conduce una vita perlopiù sedentaria, con percentuali che arrivano al 66 per cento in Basilicata, quasi il 50 per cento in Campania e il 46,1 per cento in Calabria.

--pubblicità--

Dall’aumento del peso deriva di conseguenza l’aumento del rischio di patologie ed eventi di tipo cardiovascolari: quattro italiani su dieci hanno tre fattori di rischio tra ipertensione e colesterolo alto; il 5 per cento delle persone prese in esame riferisce di soffrire di diabete, e molti sono fumatori, ipertesi, soffrono di colesterolo alto, moltissimi non consumano le cinque porzioni di frutta e verdura giornaliere raccomandate. Dati allarmanti che tradiscono una storica tradizione rispetto alla dieta mediterranea e a uno stile di vita attivo che sembra essersi diffuso: al contrario, tendenza al junk food, poca attenzione verso la salute e il proprio fisico è ciò che emerge dai dati raccolti dall’Iss.

Photo credit: Pixabay.it

LEGGI ANCHE: