Funghi e piume di gallina per le prime scarpe biodegradabili

0
1323
Funghi e piume di gallina per le prime scarpe biodegradabili

Messe a punto da due studentesse universitarie le prime scarpe totalmente biodegradabili realizzate con funghi, piume di gallina e scarti di tessuti, presentate all’Esposizione Nazionale di Design Sostenibile

Sono state presentate nell’ambito del Festival Americano di Scienza e Ingegneria, all’Esposizione Nazionale di Design Sostenibile (a Washington il 7 e l’8 aprile scorsi), le prime scarpe totalmente riciclabili e biodegradabili. Sono state realizzate con un processo altrettanto sostenibile da due studentesse dell’Università del Delaware, Jillian Silverman e Wing Tang, che per realizzarle hanno usato funghi, piume di gallina e scarti della lavorazione dei tessuti. Per lo sviluppo del progetto c’è stato il supporto del docente Huantian Cao, co-direttore della Sustainable Apparel Initiative dell’Università del Delaware.

Nello specifico, il micelio, che è la parte che forma il reticolato delle radici dei funghi, è stato fatto crescere in uno stampo morbido a forma di suola tra altri materiali tra cui piume di gallina e scarti tessili che fungono da supporto al micelio e creano una colla che permette alla struttura di crescere e rimanere insieme. Con questo meccanismo è stata realizzata la suola. La copertura invece è stata realizzata con una similpelle vegana, mentre la parte superiore della scarpa, che ha un aspetto arricciato, è stata realizzata con ritagli di tessuto di mussola, tinte vegetali e filo di cotone.

Obiettivo delle due studentesse, consapevoli del grande spreco dell’industria della moda, è quello di incentivare la sostenibilità permettendo alle persone di usare un prodotto che, seppur di consumo breve, come d’altronde ogni prodotto che viene ben presto sostituito con altro, permette di essere gettato nei rifiuti organici e riciclato.

Photo credit: Twitter.com/Pixabay.it

LEGGI ANCHE: