AmbienteEnergia

Scozia, ecco la turbina gigante che produce elettricità dalle maree

È davvero sensazionale pensare alla forza e alla potenza di Madre Natura. Il fatto che nella maggior parte delle occasioni questa riesca ad autosostenersi ne è una chiarissima testimonianza. Noi uomini tutto ciò lo abbiamo capito dopo moltissimo tempo, o quantomeno dopo aver condannato il nostro Pianeta e tutti gli esseri viventi ospitati da esso ad un destino spiacevole. In molti casi, oltre ad uno sviluppo tecnologico, ciò che occorre è semplicemente un po’ di pragmatismo. Il vento non finirà mai, come anche la luce del sole e la forza delle correnti marine. In quest’ultimo caso basta semplicemente avere la turbina giusta.

Perché esaurire le riserve mondiali di petrolio quando possiamo evitare di far male alla nostra Terra e a noi stessi? La domanda è chiaramente retorica: basta semplicemente una buona dose di inventiva, un buon finanziamento, una fabbrica e la voglia di cambiare il destino del Pianeta del quale siamo ospiti. Ciò è accaduto in Scozia, dove è stata da poco messa in mare la turbina da maree più potente del mondo.

Nessuno può fermare le maree

Il concetto è semplicissimo: avete presente le turbine delle imbarcazioni? Spostano acqua permettendo il movimento dello scafo. In questo caso succede l’esatto contrario: l’acqua muove la turbina e genera energia pulita. Le dimensioni di tale piattaforma, chiamata Orbital O2, sono imponenti. Parliamo di 72 metri di lunghezza e circa 680 tonnellate di peso.

Tale turbina, creata nel porto di Dundee intercetterà la forza delle correnti marine al largo delle Isole Orcadi, al largo della Scozia. Secondo i suoi ideatori, questo nuovissimo progetto potrebbe fornire l’energia elettrica sufficiente ad oltre 2000 abitazioni nel territorio britannico, costituendo un record assoluto.

Madre Natura ci ha fornito le soluzioni per tutto: sta a noi e alla nostra intelligenza riuscire a scovarle. Le energie rinnovabili sono il futuro e di questo dobbiamo esserne sempre più convinti.

 

LEGGI ANCHE: Nel 2021 assisteremo ad un nuovo record negativo di emissioni: la proiezione

Back to top button
Privacy