AmbienteInquinamento

Nel 2021 assisteremo ad un nuovo record negativo di emissioni: la proiezione

Durante l’anno trascorso in piena pandemia abbiamo sottolineato moltissime volte come il Pianeta stesse in qualche maniera godendo della nostra assenza. Partendo dalle macchine assenti per le strade, fino ad arrivare alle industrie con i battenti chiusi, abbiamo avuto modo di lasciar respirare la nostra Terra per diversi mesi.  Nel 2021 il mondo si è adattato alle difficoltà scaturite dal Covid-19 e a dato vita ad una nuova normalità, fatta di tantissimi nuovi accorgimenti ma anche di vecchi errori. Secondo alcune previsioni infatti, per quanto riguarda le emissioni in atmosfera, l’anno in corso farà segnare l’ennesimo record negativo.

D’altronde ne eravamo perfettamente al corrente. Un buon dato sul breve periodo non equivale affatto al medesimo risultato su uno standard a medio e lungo termine. Ed ecco che i numeri positivi del 2020 lasceranno spazio al solito, quanto deleterio, record di emissioni.

Il 2021 è l’anno delle emissioni

I dati ce li fornisce l’Aie, ossia l’Agenzia internazionale dell’energia. Nel report Global Energy Review è presente una proiezione di quello che dovrebbe essere il quantitativo di emissioni rilasciate in atmosfera durante l’anno 2021. Queste vedranno un incremento del 5%, a 33 miliardi di tonnellate, invertendo dunque la tendenza dei mesi precedenti.

“Le emissioni globali di carbonio dovrebbero aumentare di 1.5 miliardi di tonnellate quest’anno, guidate dalla ripresa dell’uso del carbone nel settore energetico” sostiene il direttore esecutivo dell’Aie, Faith Birol. E ancora: “Se i governi di tutto il mondo non si muovono rapidamente per iniziare a tagliare le emissioni, è probabile che nel 2022 dovremo affrontare una situazione ancora peggiore”.

Il cambiamento climatico tornerà dunque ad essere incentivato dal disinteresse umano. In questo caso se vogliamo l’analisi potrebbe essere ancora più severa del solito. Dopo aver avuto un effettivo riscontro di come il Pianeta possa giovare dalle nostre (non) azioni, nel 2021 torneremo a stabilire l’ennesimo record negativo di emissioni.

 

LEGGI ANCHE: Addio all’iceberg più grande del mondo: pericolo scampato, ma c’è poco da festeggiare

Back to top button