Aree urbane, temperature raddoppiate entro il 2070: lo studio

I cambiamenti climatici sono un processo scatenato dalla mano dell’uomo. Il nostro disinteresse nei confronti della questione ambientale è durato fin troppo. Oggi paghiamo tutta la superficialità del passato nonostante la retorica ed il pensiero sembrino essere finalmente cambiati. Le temperature negli ultimi decenni sono comunque in costante aumento e questo non può che essere interpretato come un segnale di allarme. Un altro grande problema è costituito dalle aree urbane. Facendo un calcolo approssimativo possiamo vedere come circa il 55% della popolazione mondiale vive in una realtà considerabile come cittadina.

Tale dato è in continua evoluzione, purtroppo tendente verso quello che in gergo tecnico è definito sovrappopolamento. Attorno al 2050 infatti, secondo una ricerca dell’Università dell’Illinois, il 70% della popolazione vivrà nelle cosiddette aree urbane. Ciò non farà altro che contribuire all’inaridimento delle metropoli, rendendo le condizioni di vita sempre più precarie a causa di una temperatura in costante aumento.

Basterebbe più verde

Sempre secondo il lavoro pubblicato su Nature Climate Change esiste però un modo per diminuire i rischi, o quantomeno per rallentare gli effetti dei cambiamenti climatici all’interno delle aree urbane. Parliamo dell’assicurare ad ogni città diversi spazi naturali o simil-tali dedicati esclusivamente alla vegetazione, alla biodiversità e allo sviluppo di infrastrutture verdi.

Solo in questo caso riusciremo infatti ad evitare quella che è una proiezione climatica ai limiti dell’apocalittico. Entro il 2070 infatti le aree urbane dovrebbero veder raddoppiate le loro temperature medie.

Esiste già oggi di fatto un equivoco rispetto alle aree urbane. Spesso e volentieri queste presentano moltissimo asfalto, materiale che incamera calore ed in qualche maniera “falsa” il dato della temperatura media. A maggior ragione, rendere le nostre metropoli sempre più verdi non può che rappresentare la soluzione ideale per mitigare il clima.

 

LEGGI ANCHE: Entro 50 anni strutture a rischio a causa dell’aumento delle temperature: ecco gli studi

Exit mobile version