Aria più pulita e si vive un anno in più
Fonte: Pixnio

In Svezia grandi passi in avanti nella lotta all’inquinamento atmosferico negli ultimi 25 anni, con livelli di ossidi di azoto dimezzati a Stoccolma, Göteborg e Malmö. Il risultato? Si vive (meglio) e di più.

A Stoccolma, Göteborg e Malmö si vive un anno in più rispetto a 25 anni fa. Il Motivo? L’aria pulita. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento di Scienze Ambientali e Chimica dell’Università di Stoccolma e pubblicato sulla rivista Atmospheric Chemistry and Physics. I ricercatori hanno raccolto i dati dalle stazioni di misurazione presenti nelle tre città rilevando quindi i livelli di ossidi di azoto, ozono e particelle presenti nell’aria dal 1990 al 2015.

Dalle misurazioni è emerso che i livelli di ossidi di azoto – generati nella stragrande maggioranza dei casi dai processi di combustione dei motori (e quindi dai veicoli) – sono calati in modo significativo in tutte e tre le città analizzate negli ultimi anni, grazie evidentemente alle regole più restrittive per le emissioni di gas di scarico dei nuovi veicoli. Andando più nel dettaglio, sia a Stoccoloma che a Malmö la quantità di ossidi di azoto nell’aria è passata dai circa 40 microgrammi per metro cubo nel 1990 ai 20 microgrammi per metro cubo nel 2015. A causa della vicinanza di importante arterie autostradali, a Goteborg la situazione è diversa ma c’è stato comunque un calo dei livelli di ossidi di azoto, passando dai 60 microgrammi per metro cubo del 1990 ai 40 nel 2015.

--pubblicità--

“L’aspettativa di vita media nelle tre città è aumentata di circa 4-5 anni dal 1990 al 2015. Tra le cause, figurano anche cure più efficaci per le malattie cardiovascolari e una riduzione del fumo tra la popolazione – afferma Henrik Olstrup, autore dello studio. “Si stima – prosegue Olstrup – che la riduzione dell’inquinamento atmosferico contribuisca fino al 20% di questo aumento. E’ un effetto molto significativo.Dimostra che le misure di controllo delle emissioni possono apportare importanti benefici per la salute”.

LEGGI ANCHE:L’INQUINAMENTO LUMINOSO È IN AUMENTO: I DANNI PER L’AMBIENTE

Photo Credit Pixabay