L’inquinamento luminoso è in aumento: i danni per l’ambiente

0
1326
L'inquinamento luminoso è in aumento: i danni per l'ambiente

Aumenta in modo allarmante la luminosità artificiale nel mondo: a rivelarlo è uno studio internazionale che pone l’accento sulle gravi ripercussioni sull’ambiente dell’inquinamento luminoso

L’inquinamento luminoso artificiale nel mondo aumenta in modo allarmante ogni anno, a scapito della notte: a rivelarlo è un team di scienziati del Centro tedesco di ricerca per le geoscienze guidato da Christopher Kyba che ha analizzato le luci notturne con il primo radiometro satellitare pubblicando i risultati dello studio sulla rivista Science Advances.

Ogni anno, la luminosità artificiale aumenta del 2,2 per cento, mentre con la stessa percentuale, nel periodo tra il 2012 e il 2016, è diminuita la superficie priva invece di luci artificiali. Sono pochissimi i paesi del mondo in cui l’illuminazione artificiale è scesa, come Siria e Yemen; al contrario aumenta quasi ovunque in Africa, Asia e Sudamerica. L’inquinamento luminoso è un problema di proporzioni enormi in tutto il mondo: i livelli sono dell’80 per cento negli Stati Uniti e del 99 per cento in Europa. Le conseguenze sono negative per gli animali e gli esseri umani. Se la luce artificiale influisce sulla salute delle piante, e ad esempio disorienta gli uccelli che migrano durante la notte, secondo uno studio dell’Università di Harvard le donne che vivono in città con un alto tasso di inquinamento luminoso rischiano maggiormente di contrarre tumore al seno.

La soluzione secondo il prof. Kyba sta nel rivedere totalmente il concetto di illuminazione urbana pensando alle persone, ai pedoni, ai ciclisti, ricordando l’importanza del buio che non solo permette agli occhi di riposarsi, ma soprattutto rende possibile la visione delle stelle, restituendo loro la luce: negli Usa l’80 per cento delle persone non può vedere la Via Lattea e per ammirare il cielo bisogna andare lontano dalle città, in montagna. Uno spettacolo che bisognerebbe tutelare.

Photo credit: Pixabay.it

LEGGI ANCHE: UNA LEGGE IN PIEMONTE PER VEDERE LE STELLE