Home Alimentazione Cibi light e bio: fanno bene alla salute, un po’ meno al portafogli

Cibi light e bio: fanno bene alla salute, un po’ meno al portafogli

0
Cibi light e bio: fanno bene alla salute, un po’ meno al portafogli
Fonte: Pixabay

Secondo un’indagine condotta da Federconsumatori acquistare cibi light o biologici costa mediamente il 47% in più rispetto alla spesa fatta con alimenti “ordinari”.

Mangiare sano, si sa, fa bene al corpo. Quello che però viene meno sottolineato è che i cibi cosiddetti “salutisti” fanno decisamente meno bene al portafogli. Secondo Federconsumatori, i cibi light e biologici costano mediamente il 47% in più rispetto alle controparti “tradizionali”. “Recenti indagini – dichiarano da Federconsumatori – evidenziano una crescente attenzione da parte del consumatore alla qualità dell’alimentazione, nonché una sensibilità al tema della corretta nutrizione e alla salubrità dei cibi, inesistente fino a qualche decennio fa”.Lo studio condotto dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori sui prezzi degli alimenti light, biologici, senza lattosio e senza lievito ha dimostrato che i prodotti con determinate caratteristiche vengono venduti a prezzi molto più alti rispetto a quelli ordinari, con incrementi che arrivano fino all’82% in più.

Un mercato in crescita, alimentato non solo da chi compie scelte salutiste ma anche dalle persone intolleranti o allergiche, che secondo le ultime stime del ministero della Salute in Italia ammontano a circa 1 milione e 800 mila. Ecco dunque spiegato il boom di alimenti come i cibi light, integrali, senza lattosio, senza olio di palma o arricchiti con fibre e Omega 3.

Questo cambio porta però ad un alleggerimento del portafogli dei consumatori italiani, che devono affrontare un investimento economico superiore mediamente del 47%. Ad esempio, i wurstel light costano il 53% in più, le patatine “solo” il 25%, il latte (senza lattosio) costa il 39% in più rispetto a quello classico. Tantissima la differenza nei prodotti senza lievito, ad esempio, per le brioches confezionate o i biscotti si sale rispettivamente al 141% e 135%, mentre per gli snack si arriva mediamente al 77% in più.

LEGGI ANCHE:LA CASSETTA SMART CHE NON FA MARCIRE VERDURA E FRUTTA

Photo Credit Pixnio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: