AlimentazioneFeaturedSicurezza alimentare

Allarme dolci giapponesi: provocano la morte di molte persone

Si tratta delle celebri torte di riso amate in Giappone, i mochi, fatti con un impasto di riso particolarmente gommoso. A causa della loro consistenza, questi dolci giapponesi stanno causando la morte di diverse persone 

I mochi sono tra i dolci giapponesi più conosciuti e amati: si tratta di tortine a base di riso che viene cotto a vapore e poi schiacciato, creando una massa che viene poi cotta o bollita. Ne risulta una sorta di panino, piuttosto grande, dalla consistenza gommosa e appiccicosa: per questo motivo per mangiarli bisogna masticarli lentamente e con attenzione. Nonostante ciò, ogni anno questi dolci giapponesi causano la morte di molte persone, nonostante gli avvertimenti che gli stessi funzionari del governo rilasciano proprio in relazione al consumo dei mochi.

Il Giappone si ritrova spesso ad essere teatro di decessi o situazioni critiche di salute a causa di un alimento: nei primi giorni del 2018 era scattato infatti l’allarme a causa di alcune confezioni di pesce palla pulito male messe in commercio: il pesce palla mal cotto o pulito può essere letale. Negli ultimi giorni invece sono morte due persone in Giappone e altre si trovano in condizioni critiche dopo aver mangiato i mochi. Secondo quanto riportano i media, si tratta di persone che hanno più di 65 anni. Infatti gli anziani, come i bambini, che potrebbero avere difficoltà nella masticazione, potrebbero avere difficoltà a consumare questi dolci giapponesi: i mochi, se ingoiati in fretta, possono attaccarsi nella gola e portare al soffocamento.

La semplice precauzione di masticare a lungo e con cura sembra però non essere considerata abbastanza importante, e nonostante gli avvertimenti molte persone continuano a morire ogni anno per colpa di questo dolce. Per evitare ogni pericolo, si consiglia inoltre di mangiare dei mochi soltanto tagliandoli in pezzi molto piccoli, specialmente se devono essere consumati da bambini o anziani.

Photo credit: Pixabay.it

Back to top button
Privacy