Nasce dispositivo che trasforma l’acqua del mare in potabile

Un'invenzione che potrebbe risollevare il problema della scarsità di risorse idriche in tutto il mondo

Per arginare il sempre più crescente problema della scarsità di risorse idriche in Finlandia nasce un dispositivo che trasforma l’acqua del mare in acqua potabile. Questo strumento, nato in Finlandia da un progetto ambizioso, permetterebbe di ottenere fino a 10mila litri di risorsa al giorno.

Inventato in Finlandia un dispositivo dal grande potenziale. Questo strumento, infatti, è in grado di trasformare fino a 10mila litri di acqua del mare (al giorno) in altrettanti litri di acqua potabile. Il progetto dovrebbe partire nel 2023 e potrà permettere a 400mila cittadini del Kenya di accedere ad una risorsa preziosissima.

La mancanza di acqua potabile è un problema che, oggi, affligge sempre più paesi del mondo. Il Continente Africano, tuttavia, è da sempre tra i più colpiti da questa scarsità. Con il nuovo dispositivo la vita di tante persone potrebbe notevolmente migliorare.

L’urgenza di acqua potabile

Se la popolazione mondiale continua a crescere, le risorse idriche continuano ad essere sempre più scarse in tutto il mondo. Condizione che porta molte popolazioni a vivere in situazioni a limite. La siccità, oggi, sta colpendo sempre più paesi del panorama mondiale (Italia compresa) e l’assenza di precipitazioni non fa che amplificare questo problema. Conseguenza che rappresenta una minaccia per il settore agricolo e per la sopravvivenza stessa di tutti gli esseri viventi. In Africa l’emergenza idrica colpisce il paese da anni e le popolazioni hanno pochissimo (in certi casi, per niente) accesso alla risorsa idrica potabile. In queste regioni, dunque, trovare una soluzione è di urgenza primaria per evitare effetti che, già oggi, si riscontrano.

A tal proposito, è nata in Finlandia l’azienda Solar Water Solutions, che da qualche anno si occupa di creare impianti di desalinizzazione dell’acqua marina economici e a basso impatto ambientale. Il Kenya è uno dei paesi che maggiormente soffre dell’assenza d’acqua; per questo motivo, il progetto finlandese è volto, principalmente, a loro. L’idea è di convertire dai 7mila ai 10mila litri di risorsa al giorno. Per di più il progetto si presenta a costi basti e emissioni zero. Il dispositivo, infatti, sfrutta l’energia solare per funzionare e dal prossimo anno potrebbe fornire acqua potabile a più di 400mila persone.

Come si legge sul portale di Solar Water Solutions: “La nostra azienda ha compreso come trasformare l’acqua di mare in acqua potabile con energia puramente rinnovabile, provando a risolvere uno dei più grandi problemi del mondo. Siamo pronti a guidarti nel futuro della purificazione dell’acqua a energia solare“. I cittadini potranno usare una chiavetta che permettere di attivare le fontane e ottenere la risorsa buona da bere.

Exit mobile version