‘Lo zen e l’arte di salvare il Pianeta’: il libro postumo del maestro Thich Nhat Hanh

Un testo che si propone come una sorta di guida per affrontare le sfide e le crisi attuali

Un testo che arriva postumo dopo la scomparsa del maestro zen Thich Nhat Hanh; il poeta, attivista e monaco buddhista che ha fatto della sua vita uno strumento di divulgazione. E continua a farlo anche dopo la sua morte con il libro Lo zen e l’arte di salvare il Pianeta, che arriverà nelle librerie italiane il prossimo 10 febbraio. Un libro che si presenta come una sorta di guida che indica il modo migliore per affrontare le sfide e le crisi che il nostro Pianeta si trova a vivere in questo periodo storico.

L’impegno del maestro zen

Thich Nhat Hanh fu un maestro zen definito “costruttore di pace“, proprio per il suo supporto dato alle cause sociali e le sue predicazioni contro la guerra in Vietnam. Tanti sono i suoi saggi che hanno ispirato le generazioni e il suo animo ‘speciale’ arrivò anche agli occhi di Martin Luther King che, infatti, lo candidò al Premio Nobel per la Pace nel 1967. Impossibile, dunque, non definire il maestro zen una delle personalità più importanti a livello mondiale.

Il libro postumo rappresenta, ancora una volta, l’interpretazione profonda che Thich Nhat Hanh ha fatto del mondo e della vita. Il maestro zen infatti, per quasi ottant’anni ha unito la meditazione all’attivismo per la pace e la giustizia sociale; e oggi, ne Lo zen e l’arte di salvare il Pianeta, pubblicato da Garzanti nella traduzione di Giuliana Mancuso, mostra come la meditazione e la riflessione su sé stessi siano importanti per pianificare il futuro.

L’invito del maestro Thich Nhat Hanh ad essere: “lucidi, compassionevoli e coraggiosi

Nella sua vita il maestro Thich Nhat Hanh è stato anche un poeta, uno studioso e ha costruito comunità diventate reali ispirazioni di cambiamento in tutto il mondo. Oggi, consapevole della serie di sfide che il mondo attuale si trova a dover contrastare, dalla diseguaglianza sociale, alla pandemia, passando inevitabilmente per la crisi ecologica, il maestro zen offre una guida per essere: “più lucidi, più compassionevoli e più coraggiosi“.

L’attivista vietnamita, scomparso lo scorso 22 gennaio a 95 anni, vuole con questo ultimo libro portare alla consapevolezza che la situazione in cui il Pianeta si trova è conseguenza di scelte collettive; per cui, è solo lavorando e cooperando insieme che si possono trovare le soluzioni per emergere dalla crisi. Come amava ripetere Thich Nhat Hanh: “Tutti noi dobbiamo diventare Buddha per fare sì che il nostro Pianeta abbia ancora una possibilità“.

LEGGI ANCHE: Moda sostenibile, Grisport presenta le nuove sneakers eco-friendly

Exit mobile version