Ecuador amplia riserva marina delle Galapagos

Per contrastare le conseguenze del cambiamento climatico e di altri pericoli verranno aggiunti 60mila km quadrati di area protetta

I paesi del mondo stanno formulando diverse proposte e mettendo in atto diverse iniziative per arginare gli effetti negativi del cambiamento climatico e proteggere l’ambiente dalle altre minacce; il progetto annunciato dall’Ecuador riguarda, in tal senso, l’ampliamento della riserva marina Galapagos. Questo quanto avrebbe dichiarato Guillermo Lasso Mendoza, presidente del paese e membro della Conferenza delle parti, la Cop26, che si sta svolgendo in questi giorni a Glasgow.

Sono diversi i progetti che i diversi paesi Membri hanno intenzione di mettere in pratica; la Cop26 è, infatti, un’occasione per radunare idee e proposte concrete al fine di raggiungere un bene comune e globale. Tra gli obiettivi principali resta quello di affrontare le conseguenze del mutamento del clima in tutto il mondo; gli effetti del riscaldamento globale, infatti, sono diventati tangibili anche nel mare e nei ghiacciai. Proprio per avanzare una soluzione e contrastare i danni l’Ecuador ha pensato all’ampliamento.

Le Galapagos in pericolo

Guillermo Lasso Mendoza, presidente del Paese, ha fatto sapere che saranno aggiunti altri 60mila chilometri quadrati di oceano protetto ai 130mila già esistenti intorno alle isole Galapagos; questo quanto riporta il Guardian. Secondo quanto ha dichiarato il presidente dell’Equador, le Galapagos, “stanno affrontando gravi minacce dovute al riscaldamento globale, ai rifiuti di plastica e ad altri squilibri; esse stanno minando la nostra biodiversità, la nostra sicurezza alimentare e il nostro sviluppo sociale“.

Il luogo, cruciale anche per il contribuito fornito a Charles Darwin nello sviluppo della teoria sulla selezione naturale, ha subito (e continua a subire) un impatto importante dai cambiamenti climatici e non solo. Dopo le richieste degli ambientalisti di ampliare l’area protetta della riserva marina è arrivato il consenso da parte delle istituzioni; come ha sottolineato ancora Mendoza si è, finalmente, raggiunto un consensotra tutti i settori coinvolti: pesca, turismo, conservazione e altri“.

LEGGI ANCHE: Apple, progetti in tutto il mondo per creare energia rinnovabile

Exit mobile version