Decreto Clima: il trasporto scolastico sostenibile riceve 20 milioni di euro

Lo fa sapere il MiTe dal suo sito ufficiale: online la graduatoria dei Comuni che beneficeranno dei finanziamenti

Tra le misure contenute nel Decreto Clima, oltre alla riforestazione, ai green corner, alla trasparenza dei dati ambientali, rientrano anche i trasporti sostenibili. Questo D.L., infatti, si presenta come il primo in Italia che si occupa in maniera esclusiva di aspetti che riguardano l’ambiente; misura che il Governo ha ritenuto urgente e necessaria, soprattutto dopo che l’Italia è risultata all’undicesimo posto nel mondo e prima in Europa per morti premature da esposizione alle polveri sottili PM2.5 (secondo quanto si apprende dal sito ufficiale del MiTe).

Un sistema di attuazione delle misure presenti nel Decreto Clima arriva con la pubblicazione ufficiale, sul sito del MiTe, della graduatoria sui progetti per il trasporto scolastico sostenibile; ovvero dei Comuni che riceveranno i finanziamenti previsti dal decreto. Questi finanziamenti saranno distribuiti lungo tutto la Penisola ed hanno un valore totale e complessivo di 20 milioni di euro.

Decreto Clima: Comuni beneficiari dei finanziamenti

Lo fa sapere il Ministero della Transizione Ecologica con una nota sul sito ufficiale; online, dallo scorso 10 novembre 2021, la graduatoria che assegna a diversi Comuni in tutta Italia finanziamenti atti a sostenere i progetti per il trasporto scolastico sostenibile. Il finanziamento previsto dal Decreto Clima è destinato ai Comuni con più di 50mila abitanti interessati dalle procedure di infrazione comunitaria sulla qualità dell’aria; stanziati, dunque, fondi per la realizzazione di nuove linee di trasporto scolastico da attivare mediante scuolabus e/o miniscuolabus che si servano dell’alimentazione ibrida o elettrica di nuova immatricolazione.

I progetti che il Decreto Clima ha ammesso sono diciannove; nella graduatoria resa pubblica è possibile venire a conoscenza di tutti i Comuni beneficiari dei sostegni economici che variano dai 400 mila euro a 1 milione e 200 mila euro, per un valore totale di 20 milioni di euro. Sono nove le Regioni in cui si trovano i Comuni interessati. Quattro in Toscana (Carrara, Viareggio, Massa e Firenze); tre in Campania (Aversa, Castellammare di Stabia e Caserta); tre in Sicilia (Ragusa, Catania, Bagheria); due in Emilia Romagna (Modena e Ferrara); due in Puglia (Taranto e Brindisi); due nel Lazio (Guidonia e Tivoli); e per finire uno in Lombardia (Vigevano), uno in Piemonte (Alessandria) e uno nelle Marche (Ancona).

LEGGI ANCHE: Cop26, l’impegno e le alleanze dell’Italia dopo l’accordo finale

Exit mobile version