Ambiente

Deloitte si prepara per i corsi di formazione sul cambiamento climatico

Tutte le persone che appartengono al network, 8300 sono in Italia, dovranno completare un corso su clima e ambiente

Sono 330 mila le persone del network di Deloitte, e per ciascuno è previsto un corso di formazione obbligatorio sul cambiamento climatico e l’ambiente. Questo quanto si apprende da un comunicato stampa ufficiale, nel quali si specifica che si tratta della prima realtà globale ad operare in questo senso. Un programma elaborato in collaborazione con il WWF e che fa parte della WorldClimate; strategia con la quale Deloitte si è posta l’obiettivo di azzerare le sue emissioni entro il 2030.

Come si apprende dal comunicato: l’ad di Deloitte Italia Fabio Pompei, ha dichiarato: “Il cambiamento climatico, è diventato una minaccia serie e concreta per tutte le persone nel mondo. È responsabilità non solo delle istituzioni, ma anche delle aziende agire per contrastare il fenomeno ed evitarne gli effetti potenzialmente catastrofici che la comunità scientifica internazionale ci ha prospettato“.

Il programma di Deloitte

Anche Deloitte sposa la causa dell’abbattimento delle emissioni per rendere il Pianeta un posto più vivibile per tutti; come spiega Pompei, illustrando il piano per i corsi di formazione obbligatori su clima e ambiente: “Come ha detto il nostro Ceo Global, Punit Renjen, “per affrontare il cambiamento climatico, dobbiamo capirlo”. Ed è esattamente questo ciò che vogliamo fare con questo pionieristico learning program destinato a tutte le nostre persone“. Uno strumento, spiega ancora l’ad di Deloitte Italia, che consente di ispirare il cambiamento individuale e collettivo, sia nella vita che nel lavoro.

Un’iniziativa con cui possiamo generare un effetto domino che, grazie all’ampia estensione del nostro network, ci permetterà di avere un grandissimo impatto positivo su una sfida cruciale del nostro tempo“. Il corso di formazione sul cambiamento climatico sarà digitale e prevede video, visualizzazioni interattive di dati e testimonianze; ciascuno strumento è volto ad illustrare in che modo si possono intraprendere azioni per migliorare l’ambiente.

LEGGI ANCHE: Il MiTe presenta al Festival del Cinema di Venezia il concorso Screen In Green

Back to top button