Moda

A Roma il nuovo Expo della moda sostenibile: sfilata con vista sui Fori Imperiali

Nella giornata di ieri, 5 luglio, si è svolto un incontro tra 34 aziende coinvolte nella seconda industria più inquinante del mondo

Il mondo della moda ha il dovere assoluto di guardare alla situazione ambientale odierna. Proprio basandosi su una tale certezza gli organizzatori del Phygital Sustainability Expo hanno deciso di coinvolgere le aziende più celebri del settore durante la giornata di ieri, 5 luglio. Si è infatti svolto nella splendida ed unica cornice dei Mercati di Traiano a Roma un incontro interamente dedicato al tema della sostenibilità nell’industria della moda e del benessere. La Sustainable Fashion Innovation Society è nata con un intento piuttosto preciso. Valorizzare i brand nati più di recente che hanno come obiettivo principale quello di una produzione che sia rispettosa dell’ambiente. Nel contempo l’intenzione è quella di supportare le aziende “storiche” del settore nella loro graduale conversione alle logiche green. All’incontro hanno preso parte esperti, designer e manager provenienti da un totale di trentaquattro brand che agiscono nel mondo della moda italiana ed internazionale.

Moda, ambiente e Roma al tramonto

L’incontro prevedeva ovviamente la presenza del pubblico. Questo ha potuto scoprire i dettagli di ogni prodotto presentato semplicemente inquadrando il QR Code corrispondente con il proprio smartphone. Gli interventi sul palco sono stati vari, tutti a loro modo interessanti ed ovviamente a tema ambientale. Al microfono hanno parlato ad esempio Roberto Morabito di ENEA ed il professor Antonio Giordano. Si è passati poi alla vera e propria sfilata. Questa si è svolta sulla passerella con vista sui Fori Imperiali, mentre il sole si accingeva a calare dietro alla immensa bellezza dei resti di Roma Antica.

Ogni brand ha avuto l’occasione di presentare il suo abito più innovativo per ciò che riguarda la moda rivolta all’ambiente. Sotto l’attenta direzione artistica di Stefano Trespidi e con l’aiuto della voce narrante del critico d’arte Valerio Vernesi, si è venuta a creare un’atmosfera realmente unica. Il goal è sempre il medesimo: il futuro della moda deve necessariamente guardare all’ambiente, essere sostenibile per l’ambiente.

 

LEGGI ANCHE: Gucci per l’ambiente: obiettivi raggiunti con 4 anni di anticipo

Back to top button