Curiosità

Come diventare cittadini e consumatori sostenibili in 5 semplici passi

L’attenzione di ogni cittadino alla questione ambientale è qualcosa di necessario e fondamentale. Si, è vero, ognuno di noi deve essere sostenuto dalle autorità e da chi detiene il potere. Altrettanto però ogni persona ha una sua responsabilità personale, non condivisa con nessun altro. Si può essere dei cittadini sostenibili grazie a delle accortezze minime. Queste, se ripetute nel tempo e da un numero sempre maggiore di persone, non faranno altro che giovare al contesto in cui viviamo.

Abbiamo dunque deciso di illustrarvi la nostra idea di cittadino sostenibile, ossia colui che vuole raggiungere l’impatto zero a livello personale. Per fare occorre tempo e voglia di fare, non sempre disponibili tra le persone comuni al giorno d’oggi. Il primo accorgimento è ovviamente riguardante l’informazione. Risulta infatti fondamentale capire quali siano le reali cause del cambiamento climatico. Non bisogna inoltre voler fare tutto e subito: si può iniziare dal limitare lo spreco di acqua o dal bere in una borraccia di alluminio, ma non è necessario pensare ad un cambiamento troppo repentino. Diventare un cittadino sostenibile richiede tempo ed impegno.

Con calma e con tanta voglia di cambiare

Il cittadino sostenibile inoltre è furbo, o quantomeno è meno credulone degli altri. Ecco perché è bene informarsi sulle provenienze dei prodotti e sulle effettive composizioni di questi ultimi. Scrivere “sostenibile” o “eco-friendly” oggi è di moda, ed è bene sapere dunque quali siano le reali caratteristiche di un bene che andiamo ad acquistare. Sulle etichette, in caratteri spesso minuscoli, c’è sempre scritto tutto. Investite dunque un po’ del vostro tempo: a giovarne sarà semplicemente il Pianeta.

Infine non vergognatevi di parlare del vostro operato. Essere un cittadino sostenibile è una delle iniziative più belle che si possano prendere sotto il profilo personale. Raccontate la vostra esperienza ad amici e parenti e spargete la voce. Solo in questo modo il mondo diverrà davvero un posto migliore.

 

LEGGI ANCHE: La tempesta di elettroni più grande mai studiata: fu nel 2014 al Polo Nord

Back to top button