AmbientePiante

Le fanerogame combattono l’acidità dei nostri mari: meglio preservarle

Il mondo sottomarino è davvero affascinante. Il fatto che questo non sia totalmente alla portata dell’uomo, in qualche maniera deve aver preservato la sua condizione. Ovviamente questo solo in parte, poiché le ripercussioni delle attività antropiche riescono ad interessare anche il punto più sperduto dell’oceano più grande. Ma se ad esempio con le nostre mani, nel recente passato, abbiamo eliminato sempre di più il “verde” che è presente sulla terraferma, non abbiamo la possibilità di fare altrettanto con quello del mare. Immense “praterie” di fanerogame, erroneamente definite alghe dai più, sorgono in tantissime località marine del nostro Pianeta. Tra i moltissimi pregi di questi vegetali c’è la incredibile capacità di mitigare l’acidità delle acque.

Il processo di acidificazione degli oceani in realtà è in aumento e, nel frattempo, le fanerogame stanno facendo segnalare delle drastiche diminuzioni a livello numerico. Uno studio condotto da alcuni ricercatori dell”Università di Davis ha voluto informare il mondo sulle assurde capacità che ha questo vegetale. I risultati della ricerca sono stati recentemente pubblicati su Global Change Biology

Impossibile farne a meno

Le fanerogame peraltro costituiscono uno degli habitat preferiti da parte di tantissime specie marine, come le razze e gli ippocampi, ma sono solite ospitare anche granchi e tartarughe. Costituiscono una vera e propria foresta subacquea, con la sola differenza che non è presente alcuna tipologia di albero.

Per quanto riguarda la biodiversità acquatica le fanerogame sono dunque tra i vegetali più importanti che ci siano. Le capacità però sono ancora più incredibili: “Quello che ci ha colpito, del risultato della ricerca, è che notiamo addirittura una più efficace azione di correzione dell’acidità anche quando ciò non potrebbe verificarsi a questi livelli, per esempio di notte nel momento in cui non c’è fotosintesi” afferma una delle ricercatrici che ha condotto lo studio.

Silenziosamente dunque, le fanerogame sono tra i vegetali più importanti che il nostro Pianeta abbia mai ospitato. Meglio far sì che non scompaiano mai.

 

LEGGI ANCHE: L’impronta dei pesticidi: tracce nei terreni anche dopo 20 anni

Back to top button
Privacy