AmbienteInquinamento

Inquinamento atmosferico e fertilità: lo studio mostra una strana correlazione

L’inquinamento atmosferico costituisce uno dei più grandi problemi della nostra epoca. Le conseguenze generate da quest’ultimo sono innumerevoli e non sempre tangibili ad un occhio poco esperto. Non parliamo esclusivamente di cambiamenti climatici, ghiacci che tendono a sciogliersi a causa delle temperature in continuo aumento. Esistono infatti delle conseguenze che paghiamo noi, popolazione, letteralmente sulla nostra pelle. Secondo una ricerca svolta da alcuni membri del National Clinical Research Center for Obstetrics and Gynecology di Pechino la questione inquinamento potrebbe avere implicazioni drammatiche. Lo studio infatti sostiene che esista una correlazione tra smog e fertilità.

Raccogliendo l’esperienza di 18mila coppie cinesi gli scienziati hanno notato una netta differenza rispetto alla fertilità tra i soggetti più o meno esposti all’inquinamento atmosferico. Quando questo contatto avviene per un lungo periodo di tempo e in zone molto interessate dallo smog la fertilità fa osservare un decremento che arriva al 20%.

Il nostro corpo parla di inquinamento

L’incidenza delle polveri sottili non è stata propriamente quantificata, ma ciò che è certo è che l’apparato riproduttore di ambo i sessi può uscire danneggiato da un’esposizione costante. Ovuli e spermatozoi sarebbero dunque più deboli e meno capaci di rendere possibile quello che è il miracolo della vita.

Certamente il fatto che il campione di coppie analizzato sia così espanso dona credibilità scientifica alla scoperta. Certo è che già in passato altre ricerche hanno testimoniato quanto l’inquinamento possa comportare difficoltà durante la gravidanza di una donna.

Non serve allarmarsi, ma occorre senza ombra di dubbio guardare in faccia la realtà. Gli effetti dell’inquinamento possono essere deleteri non solo per l’ambiente, ma anche per l’uomo. Forse è arrivato il momento di prendere veramente coscienza della situazione e iniziare a fare dei passi concreti verso il nostro Pianeta e di conseguenza verso noi stessi.

 

LEGGI ANCHE: Inquinamento dell’aria e forti temporali: scoperto un legame inaspettato

Back to top button