Ambiente

I canyon sottomarini in Catalogna: paradiso per i cetacei

Ciò che avviene nelle acque marine è qualcosa di davvero spettacolare. Il ciglio dell’acqua infatti nasconde tutto un mondo di segreti, bellezza e caratteristiche imperscrutabili se non grazie a degli studi approfonditi. Se questi vengono effettuati nel totale rispetto della biodiversità e delle peculiarità della zona, allora per una volta possiamo evitare di definire l’opera antropica deleteria per la natura. La Spagna nel 2018 ha dichiarato area marina protetta il corridoio di migrazione dei cetacei del Mediterraneo. Si tratta di uno spot di 46mila chilometri quadrati che va da Alicante a Girona. A novembre questo canyon sottomarino è entrato  aa far parte della “Rete Aree Marine Protette” della Spagna.

In questa zona sono venute a crearsi nel tempo le condizioni ideali per lo svolgimento della vita di un gran numero di cetacei. Gli avvistamenti negli anni stanno aumentando a dismisura e questa è la dimostrazione inequivocabile di una gestione ottimale di questo paradiso naturale.

I cetacei amano il mare della Catalogna

La spedizione di ricerca è partita a giugno 2020 su un catamarano con idrofono a strascico (un microfono subacqueo) capace di distinguere e localizzare i suoni emessi dai cetacei durante le loro immersioni.

In un mese di navigazione sono avvenuti 109 rilevamenti acustici e 71 avvistamenti di gruppo di svariati esemplari. Nella maggior parte dei casi questi cetacei erano delfini striati, specie abbastanza comune in queste acque spagnole. Le rilevazioni hanno colto segnali anche provenienti da sette capodogli, sei balene Cuvier, tre tursiopi, due globicefali grigi e due globicefali comuni. Oltre a questi, è stata evidenziata la presenza di 7 animali non ancora identificati.

Insomma, questo corridoio marino più che una semplice area protetta sembra essere un vero e proprio paradiso per i cetacei. Ci fa sempre molto piacere riportare notizie positive.

 

LEGGI ANCHE: WWF, presi provvedimenti per salvare i cetacei nel Golfo di Taranto

Back to top button