AmbienteEnergiaFeatured

LA SCOZIA PENSA AL FUTURO: RISCALDAMENTO CASALINGO CON IDROGENO ECOLOGICO

La realtà che stiamo vivendo al giorno d’oggi ci ha fornito degli insegnamenti inequivocabili. Dobbiamo ricentrare quelle che sono le nostre priorità. Non sembra infatti casuale il maggior tasso di mortalità della pandemia negli stati che non hanno fatto altro che tagliare fondi alla sanità.

L’ambiente inoltre ha bisogno di essere preservato. Non è più sostenibile infatti che ogni nostro gesto nella vita quotidiana possa provocare dei danni al nostro Pianeta. In molti casi però, o almeno in quello italiano, ciò che manca è il lato infrastrutturale della questione. Oggi vogliamo portare alla luce un esempio di realtà totalmente carbon free che ha preso vita in Scozia.

Sempre un passo avanti

Decisamente una scelta futuristica. Non ci sorprende affatto che questa sia stata presa nello stesso luogo in cui gli assorbenti mestruali sono distribuiti gratis alle donne. Parliamo di un progetto che è stato avviato nelle scorse settimane in una zona della contea di Fife, nella parte più ad est della Scozia.

Si tratta di una conversione importante all’idrogeno che avrà la durata di 4 anni. Oltre 300 abitazioni saranno scaldate con alimentazione ecologica, generando la bellezza di zero emissioni in atmosfera. Il progetto, se vincente, verrà espanso ad un area più estesa, per poi magari diventare un qualcosa da proporre in tutta la Gran Bretagna.

Ma ciò non avrà solo tangenza con il privato: il servizio postale di Aberdeen si doterà di un Ford Transit con doppio motore. Uno più classico a scoppio, e l’altro ovviamente a idrogeno. Il tutto con la speranza di raggiungere anche in anticipo il tanto sperato traguardo: zero emissioni di gas serra entro il 2050 in tutta la Gran Bretagna.

Back to top button