AmbientePiante

IL PAKISTAN VUOLE PIANTARE 10 MILIARDI DI ALBERI IN DUE ANNI: IL PROGETTO GREEN

L’epoca in cui stiamo vivendo ci sta regalando delle evidenze ben definite. Una di queste è certamente la necessità di un maggior rispetto nei confronti dell’ambiente. Il creato di Madre Natura infatti, con il passare degli anni e gli sgambetti provocati dalla specie umana, sta vedendo peggiorare le condizioni a ritmi spaventosi. Nel marasma di pessime notizie, oggi ne riceviamo una sensazionale: il Pakistan ha deciso di piantare circa 10 miliardi di alberi entro il 2023. 

Le condizioni ambientali di questo paese non sono certo delle migliori. Lo stato di siccità costituisce una costante degli ultimi decenni, e più in generale la popolazione non ha una cultura ecologica definibile consona.

Una disparita incredibile

Se osserviamo i dati relativi alle macchie verdi mondiali divisi per stato ci accorgeremo di un numero impressionante. Il paese con capitale Islamabad è sestultimo in questa classifica, con una copertura forestale che raggiunge a stento il 5% del suo suolo. Considerata la media mondiale che si aggira attorno al 31%, occorre un serio piano di riforestazione.

Questo è già stato studiato, e prevede la sua conclusione entro il 2023. La svolta green è dietro l’angolo, poiché il Pakistan si accinge a piantare circa 10 miliardi tra alberi, arbusti e piante di media grandezza entro i propri confini. La prima tranche è di 3.25 miliardi di piante, per un costo stimato di 650 milioni di dollari.

Come detto però il problema siccità non è da sottovalutare. La soluzione pensata per intrappolare un discreto quantitativo di CO2 generata dall’uomo è quella di piantare, nella maggior parte dei casi, l’azadirachta indicaSi tratta di un mogano molto particolare che tende a sostentarsi in solitaria dopo un solo lustro di acqua ricevuta dalle mani umane. Una svolta ecologica necessaria per il Pakistan: con oltre 230 milioni di cittadini è il quinto paese più popoloso al mondo.

Back to top button