Come vi ricordiamo spesso, nonostante l’uomo viva su questo Pianeta da un numero spaventoso di anni, non √® affatto a conoscenza di tutte le peculiarit√† che lo contraddistinguono. Ogni angolo della Terra infatti, potenzialmente, pu√≤ nascondere una sorpresa. I ricercatori di moltissime universit√† in giro per il mondo, mossi dalla curiosit√†, sono alla continua ricerca di stranezze e particolarit√† da poter analizzare e rendere pubbliche.

In qualche maniera forse è proprio bello così: la voglia di scoprire novità è qualcosa che si auto alimenta, fornendoci la voglia di non smettere mai. La Natura è talmente variegata che è letteralmente impossibile conoscerla completamente. Oggi vogliamo parlarvi di qualcosa che, ad un primo sguardo, potrà lasciarvi abbastanza sorpresi

Scherzo della natura

Parliamo dell’Hericium Erinaceus, un fungo abbastanza raro ma presente nella maggior parte dei continenti terrestri. Tra le varie cose, il suo utilizzo √® prettamente relativo all’utilizzo antidepressivo. Il suo estratto infatti, soprattutto nella medicina orientale, √® consigliato per combattere crisi di ansia o patologie simili.

--pubblicità--

Ci√≤ che lo contraddistingue in maniera sensazionale per√≤, non √® affatto l’utilizzo che l’uomo ne fa, bens√¨ il suo aspetto. In Giappone √® chiamato Yahabushitake, letteralmente “testa di scimmia“. Secondo un nostro modesto parere, simpaticamente, la somiglianza in realt√† √® con un cane di razza maltese in un giorno di pioggia torrenziale.

Abituato a crescere sul legno di faggio, questo fungo presenta un singolo ciuffo di spine penzolanti. Queste, rigorosamente di colore bianco, gli donano un effetto particolarissimo ed unico nel panorama naturale. √ą assolutamente commestibile, anche se non ancora descritto ed analizzato a dovere dai ricercatori occidentali. In ogni caso parliamo di qualcosa che, anche dopo uno sguardo, non pu√≤ che lasciarci a bocca aperta!