Ogni mattina, quando ci alziamo dal letto, rischiamo di sottovalutare la giornata che stiamo per vivere. Condizionare la propria esistenza in questa maniera rischia di farci cadere in una routine che ci rende apatici. Esistono però alcuni soggetti la cui curiosità non ha alcun limite: nel momento in cui la tecnologia aiuta questi ultimi a soddisfare le proprie voglie, assistiamo a degli spettacoli incredibili.

Quando parliamo del cielo e delle stelle i pensieri non possono fermarsi a ciò che ci circonda su questo Pianeta. L’interesse per l’astronomia infatti è insito in noi: difficilmente infatti alzando gli occhi verso la volta celeste la nostra mente si ferma ad osservare. Forse è bello viverla in una maniera così filosofica, ma avendone la possibilità, l’uomo ama porsi nuovi obiettivi.

Idea semplice e geniale

Ciò di cui vogliamo parlarvi oggi è un’idea geniale di Aryeh Nirenberg, fotografo specializzato nelle immagini che riguardano le stelle e la galassia durante le ore notturne. In questo caso specifico, parliamo di un’osservazione durata circa tre ore, in cui è avvenuto uno scatto ogni 12 secondi.

--pubblicità--

La fotocamera aveva una particolarità cruciale per la riuscita dell’esperimento: non doveva seguire il movimento del terreno sottostante, ma quello della Stella Polare. In questa maniera, grazie ad una semplice impostazione, è stato possibile osservare il moto di rotazione della Terra. Il video timelapse che potete trovare su Youtube è sensazionale. Sembra infatti di vedere un film con effetti speciali da Oscar: la realtà è che tutto ciò accade costantemente con una cadenza giornaliera. Il fatto di poggiare i piedi sulla Terra però rende impossibile ai nostri sensi una vera e propria presa di coscienza.

 “I montaggi equatoriali sono allineati alla stella polare e ruotano la telecamera a 15° OGNI ORA, la stessa velocità di rotazione della Terra. quindi la telecamera segue le stelle e rimane puntata sulla stessa porzione di cielo.”