Tecnologia

MICRASHELL, LA TUTA FUTURISTICA PER TORNARE IN DISCOTECA: STRANO MA VERO

Il mondo del 2020, non fatichiamo a dirlo, non era affatto pronto per affrontare una pandemia come quella che stiamo vivendo. Nonostante la fase più critica, almeno nel territorio italiano, sembra essere passata, i numeri relativi ai contagi e soprattutto ai morti non possono che farci riflettere.

Nel nostro Paese siamo da poco entrati in quella che è stata definita “fase due“, in cui la quarantena imposta precedentemente è stata in qualche modo allentata. Un cambiamento del genere è stato necessario per non affossare definitivamente l’economia. Questa ha subito un duro colpo a causa dei quasi due mesi di chiusura pressoché totale delle attività.

Con il passare del tempo e con uno sguardo sempre rivolto verso la curva dei contagi, è previsto un lento ritorno alla “normalità”. Questa, in ogni caso, sarà assolutamente dissimile rispetto a ciò a cui siamo stati abituati fino ai primi giorni di marzo.

A prova di assembramento

Se con il passare dei giorni sembra configurarsi una data per la riapertura di ogni tipologia di attività, ce n’è una che invece non vede la luce alla fine del tunnel. Parliamo degli spettacoli dal vivo, in special modo dei concerti e delle discoteche. Questi eventi, per loro natura, riuniscono grandissime masse di persone: proprio ciò che è necessario evitare perché il virus si sparga ulteriormente.

Production Club, uno studio di design americano attivo nel mondo della musica live, ha lanciato qualcosa di più di una provocazione. Parliamo di Micrashell, una tuta dai colori sgargianti e completamente isolante dall’esterno. Ovviamente è munita di filtri per la respirazione e, udite udite, di uno spot per bere una bevanda dissetante.

Parliamo di una proposta abbastanza bizzarra, poiché i costi sarebbero spropositati e le disponibilità limitate. La nostra speranza rimane in ogni caso quella di poter tornare a vedere un concerto dal vivo o a passare una divertente serata in discoteca con una birra in mano. Nel caso non fosse più possibile, sapremo a chi rivolgerci.

 

Back to top button