Nella scorsa notte, proprio mentre albeggiava, la città di Roma ha tremato per pochissimi secondi. Non che sia una novità: nella capitale infatti sono state avvertite moltissime delle scosse di terremoto nel recente passato. Per fare un esempio, quelle che furono fatali per Amatrice e molti altri paesi nel centro italia nel 2016 e quella a L’Aquila nel 2009 si sentirono benissimo, nonostante l’epicentro fosse molto distante.

Il terremoto della scorsa notte invece è unico nel suo genere, almeno per quanto riguarda gli ultimi anni. L’epicentro infatti è stato proprio nella capitale, per la precisione nella parte Est, a cinque chilometri da Fonte Nuova. Si è trattato di una scossa abbastanza innocua, pari a 3,3 gradi della scala Richter. Fortunatamente non si è riscontrato alcun danno, ma lo spavento è stato molto.

Sfatiamo il mito

Nonostante l’entità fosse tranquilla, moltissime persone hanno provato un grande spavento e si sono riversate in strada. Il territorio italiano purtroppo è da sempre martoriato da eventi del genere che appunto, alcune volte sono stati fatali per alcune zone.

--pubblicità--

Ogni volta che la Terra ci fa queste sorprese poco piacevoli, sorge la stessa domanda: è possibile prevedere una scossa di terremoto? La risposta è chiara e limpida: assolutamente no. Gli sciami sismici possono durare anni, ma il primo di questi eventi è totalmente imprevedibile. È possibile invece prevenire i danni causati? Certamente si. Le tecnologie e l’edilizia stanno facendo passi da gigante a riguardo. Le strutture, con il tempo dovrebbero essere rinnovate in maniera che siano resistenti ad eventi del genere.

Memorandum per quando deciderete di far costruire la villa dei vostri sogni: utilizzate materiali e strutture antisismiche, prevenire è meglio che curare.