Con il passare degli anni, moltissime persone si stanno avvicinando al mondo della cucina professionale. Se prima infatti i grandi chef potevamo conoscerli solo andando a mangiare nei loro ristoranti stellati, oggi la tv ci permette di scoprirne continuamente di nuovi.

Soprattutto grazie alla televisione infatti questo mondo ha visto una grandissima espansione. Reality show, programmi a tema e diversi altri format, hanno fatto venire voglia alle persone “normali” di apprendere qualcosa di nuovo. In questi casi però, molto spesso si finisce a cucinare del cibo pregiato, introvabile al supermercato e soprattutto dai costi elevati. Un grande chef sa come valorizzare anche degli ingredienti che vengono dalla tradizione povera. Ecco perché oggi vogliamo consigliarvi un piatto classico dell’Italia meno abbiente, come l’umido di cipolle e patate. Si tratta di un grande classico che non ci stancherà mai. I sapori sono forti e particolari, e nonostante la provenienza non sia di alta scuola, il gusto è eccezionale.

Come preparare

Per la preparazione avrete bisogno di 500g di cipolle bianche, 500g di patate di medie dimensioni, una confezione abbondante di pomodori pelati, mezzo bicchiere di olio extravergine d’oliva, origano, sale e pepe.

--pubblicità--

Prendete le cipolle, lavatele sotto acqua corrente fresca e sbucciatele. Compiete il medesimo passaggio anche con le patate. A questo punto tagliate i vostri ingredienti principali a fette abbastanza spesse.

Munitevi di una padella capiente e disponete cipolle e patate all’interno, bagnando con una parte consistente di olio. Versate i pomodori pelati, correggete con del sale e del pepe se necessario e lasciate cuocere per 20 minuti abbondanti con il coperchio.

Dopo 10 minuti dall’accensione della fiamma, alzate il coperchio, mescolate ed aggiungete la parte rimanente di olio. Prima di servire in tavola assaggiate nuovamente e se necessario aggiustate con del sale. Aggiungete subito prima del pasto l’origano, adagiandolo sopra gli ingredienti principali del vostro piatto povero. Buon appetito!