Il nostro Pianeta ha delle dimensioni davvero importanti, almeno per quella che è la scala di grandezza umana. Siamo quasi sette miliardi e mezzo di persone, sparsi su una superficie dalle dimensioni notevoli. Purtroppo o per fortuna non siamo fatti con lo stampino, e da ogni angolo della Terra ogni giorno arrivano notizie molto particolari.

Purtroppo il minimo comun denominatore di queste spesso è il poco rispetto che l’essere umano ha nei confronti della Natura in tutte le sue sfaccettature. Abbiamo tratti diversi, tradizioni differenti, ma in questo troviamo un (pessimo) punto di incontro. Fortunatamente non tutti la pensano in questo modo: associazioni ambientaliste e rivolte alla difesa degli animali sono continuamente attive perché la parola “rispetto” torni ad essere di moda”.

Strano ma vero

Forse affermare che le associazioni ambientaliste siano le uniche a tenere alla salvaguardia del nostro pianeta è esagerato. Esistono anche persone comuni che nel loro piccolo cercano di dare un contributo importante. Questo è il caso di un sub australiano che si è immolato per salvare una balena intrappolata all’interno di alcune reti da pesca.

--pubblicità--

Vedendo la scena dalla spiaggia ha subito segnalato alle autorità l’accaduto chiedendo soccorsi. Questi, in palese ritardo, sarebbero risultati inutili. La corsa è stata snervante, ma grazie all’aiuto di un coltello il giovane è riuscito a raggiungere il cucciolo di balena e a liberarlo dalla rete posizionata in quel luogo per allontanare gli squali.

Nulla di strano direte. Le autorità invece la pensano diversamente: il giovane è stato multato per circa 27 mila dollari australiani. Nello stato del Queensland infatti, non è consentito intervenire in maniera autonoma in queste situazioni. Chiaramente l’opinione pubblica si è schierata dalla parte del sub, ed è stata avviata una raccolta fondi per pagare questa assurda multa.

Ad oggi grazie ad una campagna di sostegno sono stati raccolti più della metà dei soldi, ma la questione rimane aperta. È infatti delirante che una persona che è considerabile a tutti gli effetti un eroe sia multata per un gesto di amore verso una povera balena in pericolo. È la legge ad essere sbagliata, non il suo comportamento.