La nostra Terra è ricca di luoghi magici. Questi talvolta sono opera umana, ma nella maggior parte dei casi sono frutto della mano di Madre Natura. In ogni angolo del nostro pianeta infatti abbiamo la possibilità di visitare angoli di paradiso.

Le sensazioni sono soggettive, ma quando ci si trova davanti ad uno spettacolo naturale non si può fare altro che rimanere esterrefatti ed ammirare a bocca aperta ciò che i nostri occhi ci mostrano. Le cascate sono un esempio calzante: nulla di così complicato, ma lo spettacolo che assicurano è davvero sensazionale. In Ecuador purtroppo da qualche tempo è scomparsa quella di San Rafael, una delle più alte del Sud America, ma soprattutto importante polo turistico del paese.

Colpa dell’uomo?

Questa cascata raccoglieva le acque dei fiumi Quijos e Salado, ed era alta circa 150 metri. Secondo quanto riportato dalle autorità, proprio nel letto del corso d’acqua che unisce i due fiumi per poi cadere a picco nella riserva ecologica di Cayambe Coca, sarebbe avvenuta una frana.

--pubblicità--

Il “buco” che si è creato non ha fatto altro che disperdere l’acqua, che ora sgorga da tre differenti punti della parete rocciosa. L’effetto sensazionale dunque viene completamente a mancare. Purtroppo questa non è l’unica brutta notizia: sembra infatti che l’area circostante risentirà in maniera importante di questa mancanza. Flora e fauna rischiano di pagare le conseguenze più care.

L’uomo, stranamente, sembra non aver nessunacolpa” rispetto all’avvenimento. Le conseguenze però colpiranno anche le popolazioni che vivono nella zona circostante. La mancanza di acqua potrebbe essere un grandissimo problema.