Dall’interno delle nostre case, fortunatamente in salvo dal contagio, non possiamo far altro che guardare ai terrificanti numeri di questa pandemia. Sperando che la totalità dei nostri lettori sia in salvo e stia attuando il distanziamento sociale come previsto dai decreti del Presidente del Consiglio, oggi vogliamo parlarvi di un’evidenza numerica che si è riscontrata. I dati infatti dicono che la popolazione maschile sia più soggetta ad esiti nefasti dopo il contagio da Coronavirus.

La speculazione in questo momento storico è molta: i numeri come sempre lasciano spazio a molte interpretazioni. Il giornalismo talvolta è fuorviante, ed è meglio affidarsi a ciò che afferma la scienza a riguardo.

Qual’è il motivo?

Sul fatto che i deceduti a causa del Covid-19 siano maggiormente di sesso maschile non ci piove. Questo è un dato molto interessante, poiché la variabile casualità difficilmente è considerata dagli scienziati. Per tutto esiste un motivo, e questa particolarità ha interessato moltissimo il campo della ricerca.

--pubblicità--

Montefiore Health System e Albert Einstein College of Medicine negli USA e l’Ospedale di Malattie Infettive Kasturba di Mumbai, India, hanno collaborato ed hanno trovato una risposta davvero inaspettata.

Il motivo della maggiore incidenza secondo il team sarebbe la presenza dei testicoli. Questi al loro interno presentano la proteina ACE2, recettore individuato come il responsabile dell’invasione del Covid-19 nelle cellule umane. Le donne nelle ovaie non presentano questa proteina, e dunque hanno più possibilità di scampare al pericolo.

Il virus perciò, nel momento in cui è attaccato dal sistema immunitario, troverebbe riparo proprio all’interno delle ghiandole maschili. Saranno necessari ulteriori studi per confermare il tutto, ma questa sembra essere davvero una risposta tanto convincente quanto preoccupante.