Continua la rassegna riguardante gli animali in via di estinzione. Purtroppo questi continuano ad essere moltissimi, ed il fatto che la maggior parte delle persone sia costretta a stare chiusa dentro casa non aiuta con la cura della fauna.

In giro per il mondo le specie a rischio scomparsa definitiva sono davvero moltissime, 1.283 esclusivamente nel territorio degli Stati Uniti d’America. L’uomo inevitabilmente deve sentirsi in colpa per questo genere di avvenimenti. La mentalità antropocentrica infatti ha fatto si che nel corso dei decenni fosse tralasciata la cura degli animali selvatici. Gli habitat sono stati rovinati, la caccia autorizzata ed il bracconaggio hanno fatto il resto.

Ogni tanto però ci arriva qualche buona notizia, ed oggi vogliamo condividerne una molto piacevole con voi.

--pubblicità--

Fase di crescita

Negli scorsi mesi era stato segnalato un gravissimo decremento dei quantitativi di grifoni, uccelli che da moltissimi affollano l’isola della Sardegna. Il rischio estinzione si è fatto sempre più concreto, e sono stati necessari interventi da parte di alcune associazioni animaliste. Fondamentalmente ciò che mancava a questi animali era il cibo, dunque Life Under Griffon Wings ha provveduto a rimediare a questo problema. Questo è un progetto finanziato dal Programma Life dell’Unione Europea ed è portato avanti dall’Università degli studi di Sassari assieme all’Agenzia Regionale Forestas, al Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale e al comune di Bosa.

“Al momento nelle colonie di Bosa e di Alghero ci sono tra i 230 e i 250 grifoni. I carnai si trovano a Pozzomaggiore, Villanova Monteleone e all’interno del Parco di Porto Conte. Quest’anno sono nati 34 piccoli, 46 coppie sono riuscite a nidificare: sono numeri che non si vedevano da 40 anni. Salvare anche uno solo di questi nuovi nati, come nel caso di Entulzu, è cruciale”

Queste le parole di Fiammetta Berlinguer, veterinaria dell’università di Sassari. Sembra dunque che grazie alla collaborazione di diverse componenti la situazione sia tornata alla normalità. Speriamo possa davvero essere così. La Sardegna è stupenda anche per la fauna e la flora che è possibile trovare in loco.