Il nostro paese è davvero uno dei più ricchi del mondo per quanto riguarda reperti e luoghi apparentemente sconosciuti da poter visitare quando si vuole fare una gita fuori porta. In questo momento i provvedimenti presi dal governo per quanto riguarda la pandemia in atto non ci permettono di passare una domenica fuori porta. Vi suggeriamo però di appuntarvi su un post-it o sul frigo, le mete che vorrete visitare appena la situazione sarà tornata alla normalità.

In questo senso, l’impegno della società tutta non si ridurrà a rispettare l’obbligo di rimanere all’interno delle nostre abitazioni. Gli strascichi, soprattutto a livello economico, saranno molti. Servirà dunque ulteriore spirito di fratellanza. Di fronte alla scelta se visitare una capitale europea piuttosto che una bellezza nostrana, vi suggeriamo assolutamente di scegliere quest’ultima. Non si tratta di un discorso xenofobo, ma semplicemente di valorizzare ancor di più la bellezza nostrana in un momento fondamentale per l’economia.

Spettacolo ad intermittenza

Nella località di Lignago avviene un qualcosa di davvero sensazionale. Qui dal ventesimo secolo sorge infatti il lago artificiale di Valvestino. Questo luogo precedentemente  fu individuato dall’impero austriaco come punto di confine con l’antica repubblica di Venezia. Come immaginabile era presente una dogana in loco, che però con l’avvento del lago artificiale è scomparsa sotto all’acqua.

--pubblicità--

Non sempre però questo lago è al massimo della sua capienza. Nel momento in cui infatti le acque sono ad un livello piuttosto basso, sarà possibile osservare un rudere particolarissimo. Vi invitiamo a restare a casa per il momento, ma quando tutto ciò sarà concluso, visitate questo luogo magico.