Il Kreditanstalt für Wiederaufbau, conosciuto più semplicemente come KfW è una delle dieci più grandi banche della Germania. Nato per gestire i fondi del piano Marshall per la ricostruzione, l’istituto, oggi di proprietà del governo, ha saputo reinventarsi nel corso degli ultimi anni dandosi una nuovissima identità green. Una svolta di questo genere era necessaria, poiché parliamo di uno degli edifici simbolo dello stato moderno tedesco.

Ha infatti investito in particolar modo nel campo del risparmio energetico, della riduzione delle emissioni di CO2 e nelle rinnovabili. In questo modo ha contribuito in modo sostanziale a rendere la nazione tedesca all’avanguardia in materia di sostenibilità ambientale.

Esempio per tutto il paese

Con tale vocazione alle spalle, la nuova sede della KfW, realizzata a Francoforte dallo studio Sauerbruch Hutton, non poteva non essere un edificio altamente tecnologico. Con i suoi 40 mila metri quadrati di superficie infatti consuma circa 82 kWh per metro quadrato all’anno ed ha bassissimi valori di emissioni. Parliamo infatti di circa 43 kg di CO2 per metro quadro all’anno, un dato molto più basso rispetto alla normalità di edifici di queste dimensioni.

--pubblicità--

Tale risultato è stato raggiunto grazie alla combinazione di differenti sistemi e strategie per lo sfruttamento passivo delle risorse naturali e per il risparmio dell’energia effettivi, che sono stati integrati perfettamente  con il linguaggio progettuale iniziale.

L’intero design è rivolto concettualmente alla natura. La torre più alta ha una forma sinuosa e fluida, proprio a richiamare le direzioni intraprese dai venti prevalenti in quella zona e dal percorso giornaliero e annuale del sole.