Tra qualche mese arriverà l’estate, ed in molti già impazziscono all’idea di potersi fare un lunghissimo bagno nella località selezionata per trascorrere le vacanze. Realisticamente ad oggi possiamo solo immaginarla l’estate. Questo innanzitutto perché negli ultimi giorni le temperature medie hanno visto una forte diminuzione.

In secondo luogo purtroppo, a causa della pandemia in atto, nessuno è in grado di dire quando la situazione migliorerà. Fino a quel momento che in molti bramiamo, saremo costretti a rimanere al sicuro all’interno delle nostre abitazioni. La speranza è che la situazione di pericolo possa migliorare con il passare del tempo, permettendoci un lento ritorno alla vita a cui siamo abituati.

La pelle va preservata

I fortunati che possiedono un giardino condominiale o che hanno una abitazione in cui è possibile rivolgersi al sole nelle ore più calde della giornata già ne hanno approfittato. Non è un segreto, in moltissimi amano arrivare in spiaggia con una pelle abbronzata. Ecco perché, compatibilmente con temperature e precipitazioni, in tanti passeranno diverso tempo della quarantena sdraiati in cerca dei raggi del sole.

--pubblicità--

Ciò che bisogna tenere a mente è che, fondamentalmente, esporsi troppo tempo ai raggi solari può inficiare sulla nostra pelle. Per alcuni soggetti esiste addirittura il rischio di un tumore. Soprattutto per chi ha la pelle chiara, il melasma costituisce un rischio costante.

Parliamo delle macchie, molto simili a delle lentiggini, che possono apparire in molte zone del corpo. Queste sono dovute ad una produzione esagerata di melatonina da parte del nostro organismo, proprio in reazione della dose troppo massiccia di sole.

I dermatologi consigliano di utilizzare costantemente delle protezioni solari che possano schermare i raggi UV provenienti dal sole. Inoltre, per la prevenzione del melasma, è necessario ingerire pietanze che contengano vitamina E, C e polifenoli.