Qualche giorno fa vi abbiamo raccontato della tristissima morte di Fausta, il rinoceronte nero più anziano che abbia mai vissuto sulla terra. All’età di 57 anni, in Tanzania, ha lasciato questo mondo. La notizia si è sparsa velocemente ed una lacrima è scesa sul volto di tutti gli animalisti del mondo.

Nel giorno della vigilia di Natale, a pochissimi giorni di distanza da questa brutta notizia, è avvenuto qualcosa di rinfrancante. Allo Zoo Potter Park di Lansing, Michigan, Doppsee, un rinoceronte nero di 12 anni, ha dato alla luce un figlio. Si tratta di un evento molto raro, in quanto la specie è da diverso tempo a rischio estinzione.

Qualche chiarimento

Naturalmente grazie alla nascita del baby rinoceronte i dati non possono essere cambiati di molto. Rimane comunque un evento sensazionale e bellissimo, che a molti è parso in qualche maniera legato alla triste morte di Fausta di qualche giorno prima. I dati su scala mondiale raccontano una verità tutt’altro che positiva.

--pubblicità--

Confrontando i numeri con quelli raccolti negli anni ’90, non possiamo che essere soddisfatti. Solo un ventennio fa si potevano contare 2400 esemplari di rinoceronte nero. Ad oggi questi sfiorano le 5000 unità, molte delle quali però sono in cattività presso tantissimi zoo in giro per tutto il pianeta. Un tale ripopolamento è stato possibile grazie al lavoro di moltissime associazioni. Programmi di conservazione e ferree regole di tutela hanno fatto il resto.

Basti pensare che in media ogni anno nascono al massimo due cuccioli di questa particolarissima specie per rendersi conto della particolarità di questo evento.