Un italiano che si rispetti ha visitato tutte le più belle città del nostro paese. Non che sia un’impresa facile. Occorrono tempo e denaro, ma le distanze non esagerate possono aiutare a progettare un weekend fuori porta in ogni stagione.

Anche il quantitativo di bellezze presenti nel nostro paese non ci aiuta. Le città “must” sono moltissime, e per la maggior parte di esse non possono bastare un paio di giorni per completare una visita degna di questo nome.

Inoltre, viaggiare all’interno dello stivale significa provare nuove esperienze culinarie. Spesso possiamo acquistare una prelibatezza di un’altra regione al supermercato, ma non sarà mai come provarla “in loco”. A Firenze, da qualche anno, ha aperto “All’antico Vinaio“, una bottega alimentare apparentemente come tante. Provate a cercarla su i più importanti siti di recensioni culinarie: capirete perché ne stiamo parlando.

--pubblicità--

Code lunghissime all’entrata

Vi risparmiamo la fatica. I feedback su TripAdvisor sono più di ventottomila, di cui un’abbondante metà recita la dicitura “eccellente“. Se pensate di potervela cavare entrando di corsa e chiedendo una schiacciata risolvendo la pratica in un paio di minuti, vi sbagliate di grosso. Negli ultimi tempi infatti il locale ha riscosso un successo notevole e la fila per essere serviti può durare anche più di un’ora.

Come ogni azienda familiare che si rispetti, è iniziato tutto con una sola sede. Piano piano, riscuotendo sempre più successo, gli introiti sono aumentati e con loro anche la possibilità di nuovi investimenti. Oggi si contano più di 80 dipendenti, distribuiti nelle 4 sedi presenti nel centro di Firenze. Il marchio fiorentino inoltre è sbarcato oltre oceano, grazie ad una collaborazione con l’imprenditore italo-americano Joe Bastianich.