I dati sono spaventosi, si tratta di una serie di giornate che sfiorano il record. Ben undici regioni italiane, durante il weekend che si sta per concludere, hanno visto alzare il livello di allerta meteo a livello arancione.

Considerando che dopo questo esiste esclusivamente il livello rosso, si tratta di un’ondata di maltempo piuttosto importante. Sembra che, secondo la protezione civile, le precipitazioni più importanti avverranno al centro nord. Massimo livello di attenzione infatti per tutta la fascia più alta della Pianura Padana, sopra la via Emilia.

Purtroppo, nonostante le regioni maggiormente interessate siano quelle del centro-nord, nella giornata di oggi è arrivata la notizia di un signore di 62 anni morto in provincia di Napoli a causa di un albero cascatogli addosso.

--pubblicità--

Tutto lo stivale in difficoltà

Naturalmente quando si parla di maltempo invernale la prima preoccupazione è per la città di Venezia. Le previsioni dicono però che la situazione, a meno di stravolgimenti assurdi, rimarrà sotto controllo in quella zona. Ci sarà indubbiamente acqua alta, ma a livelli sostenibili.

Come detto nella provincia di Napoli ha perso la vita questa mattina un signore di nazionalità Marocchina, completamente travolto da un albero che è cascato in terra.

Un altro avvenimento sensazionale è avvenuto in Sardegna: una nave mercantile si è scontrata con degli scogli in prossimità del porto di Cagliari. Dopo aver effettuato la consegna, era ripartita alla volta delle coste spagnole. Visto il mare insostenibile, l’equipaggio ha cambiato idea ed ha deciso di ritornare sulla costa sarda. Durante la manovra però, è avvenuto lo scontro con gli scogli e si è reso necessario l’intervento della capitaneria di porto per mettere in salvo tutti quanti.