I pranzi universitari già sono un’impresa ardua. Se poi il soggetto in questione ha deciso di intraprendere la strada del cibo vegano, la faccenda potrebbe diventare ingestibile. Questo secondo il pensiero comune. La realtà è ben diversa. Bastano pochi e semplici ingredienti per riuscire a comporre un pranzo degno di questo nome. Inoltre, grazie al fatto che molte verdure sono buonissime anche a temperatura ambiente, non sarà necessario scaldare la vostra pietanza e potrete portarla nella schiscetta in borsa, gustandola tra una lezione e l’altra.

Nonostante i limiti imposti dalla scelta culinaria, grazie a questi consigli riuscirete a far ingolosire anche il più carnivoro dei vostri colleghi, provare per credere!

Sandwich di avocado

Avrete bisogno di due fette di pane integrale, salsa allo yogurt di soia, un avocado, due ravanelli, un pomodoro, un cetriolo, una manciata di rucola, olio, sale e pepe.

--pubblicità--

Prendete le due fette di pane integrale e spalmate un quantitativo di salsa allo yogurt di soia a vostro piacimento. Aprite l’avocado , tagliatelo come i ravanelli ed i cetrioli alla julienne ed adagiate questi ultimi ingredienti sul pane farcito. Aggiungete la rucola, o in alternativa rimediate dei germogli di soia da aggiungere al vostro panino veggie. Prendete il pomodoro e tagliatelo a fettine sottili. Mettetene un paio all’interno del sandwich, aggiustate con olio extra vergine d’oliva, pepe e una piccola dose di sale.

Non vi resta che adagiare il vostro panino all’interno del contenitore porta pranzo, metterlo nello zaino e gustarlo mentre fate pausa assieme ai vostri colleghi. State tranquilli, si tratta di un pasto completo e nutriente, saporito e gustoso.