Vediamo insieme quali proprietà e benefici hanno alcuni frutti di questa stagione:

 

--pubblicità--

Cachi: sono ricchi di zuccheri semplici, facilmente assimilabili, e per questo sono frutti energetici. È ricco di fibre e di potassio, adatto a chi soffre di stitichezza.

Mele e pere:ricchi di fibre e antiossidanti, sono i frutti sempre presenti sulle tavole degli italiani. Hanno, inoltre, il vantaggio di contenere poche calorie (circa 40 ogni 100 gr), quindi sono i più indicati nelle diete ipocaloriche.

Melograno: altro frutto autunnale ricco di antiossidanti, fibre e vitamina C. Da consumare preferibilmente a chicchi interi per mantenere integre le proprietà nutrizionali.

Mirtilli rossi: disponibili da metà ottobre, sono un frutto amico della salute su più fronti. È coadiuvante nella prevenzione delle infezioni urinarie, delle patologie cardiovascolari e della protezione della retina.

Kiwi: ricco di vitamina C, questo frutto è un potente regolatore intestinale, sconsigliato a chi soffre di diverticolite o colon irritabile.

Castagne, nocciole, mandorle e noci: la frutta secca è energetica e dall’alto valore nutrizionale. È ricca di ferro, fosforo, potassio, magnesio ed il calcio ed è alimento adatto per ovviare alla stanchezza tipica dei cambi di stagione.

 

 

Di seguito, l’elenco alfabetico completo della frutta tipica autunnale tutta assolutamente gustosa e salutare se consumata nelle giuste quantità.

  • Arance
  • Avocado
  • Banane
  • Cachi, da distinguere in varietà senza semi ( da mangiare ben maturi) e con i semi (cachi mela, da mangiare anche se ancora duri)
  • Castagne
  • Cedri
  • Clementine
  • Fichi
  • Fichi d’india
  • Kiwi
  • Lamponi
  • Limoni
  • Mandaranci
  • Mandarini
  • Mandorle
  • Melegrane
  • Mele
  • Meloni
  • Mirtilli
  • More
  • Nocciole
  • Noci
  • Pere
  • Pesche
  • Pinoli
  • Pistacchi
  • Pompelmi
  • Prugne
  • Uva