OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il comune pugliese Roseto Valfortore vuole essere il paese più sostenibile di tutta Italia, iniziando dalla raccolta differenziata e dal riciclo. Il piccolo borgo, già nel 2018, è stato eletto uno dei comuni più dediti al riciclo, ma ora punta più in alto. Vediamo nel dettaglio le iniziative che vuole intraprendere.

Roseto Valfortore, piccolo comune grandi ambizioni

Il paese in provincia di Foggia conta appena un migliaio di abitanti, ma nonostante le piccole dimensioni ambisce a diventare il comune più ambientalista del nostro territorio. Roseto Valfortore è uno dei borghi più belli d’Italia, e forse anche il più “riciclatore”. La prima tappa del piano, finora, è stata abolire la plastica durante le sagre di paese: al bando le shopper in polietilene e la plastica monouso non biodegradabile, come stoviglie e contenitori.

Il sindaco di Roseto Valfortore, Lucilla Parisi, si è fatta carico di promuovere il turismo eco- sostenibile per proteggere l’aspetto naturalistico e ambientale del territorio. Infatti, il piccolo borgo nasce alle pendici del Monte Cornacchia, al confine con la Campania, e conserva un’area verde di alto pregio. Sede di una vasta biodiversità di fauna e flora, Roseto Valfortore è anche fortemente coinvolto nel monitoraggio ambientale e nell’ecologia del lupo. Il luogo vanta anche della presenza di un mulino ad acqua del 1800, opera di importante ingegneria idraulica contadina. Inoltre, quasi l’intero territorio è area di interesse comunitario, motivo per cui il sindaco ha voluto tenere conto soprattutto della parte ambientale del paese.

--pubblicità--

Un comune “plastic free”

Roseto Valfortore ha aderito al decreto del ministero dell’ambiente che vieta l’uso e la vendita degli articoli in plastica. Lo scopo è divenire uno dei primi comuni plastic free in Italia. Dunque, il piccolo borgo ha eliminato la plastica non biodegradabile a partire dalle sagre di paese, l’uso delle shopper in polietilene e mira a diffondere maggiore sostenibilità consapevole anche nelle generazioni più giovani. A partire da quest’anno, infatti, verranno distribuite bottiglie in acciaio inox a tutti gli studenti dell’istituto comprensivo di Roseto, diminuendo così il consumo di bottigliette di plastica.