Il cambiamento climatico e il surriscaldamento globale sono una cosa seria, e ancora più serie sono le conseguenze che ne derivano. Tra queste, lo scioglimento dei ghiacciai, habitat naturale di moltissime specie. L’orso polare è a rischio: se si continua con questi ritmi, entro i prossimi 35 anni perderemo il 35% della popolazione.

L’appello del WWF è chiaro, bisogna salvaguardare questa specie, divenuta con gli anni sempre più vulnerabile. Il 27 febbraio è la Giornata mondiale dell’orso polare, e l’associazione ambientalista la celebra appellandosi a noi, cittadini del mondo, affinché siamo informati e coscienti.

Cambiamenti climatici: un pericolo serio

Allarmanti le foto postate sui social dai canali come NatGeo, in cui sempre più attivisti si ritrovano di fronte la dura verità: carcasse di orsi polari, dimagriti all’estremo, fino a morire. L’innalzamento delle temperature globali ha portato allo scioglimento di molti territori, tra cui i ghiacci dell’habitat naturale di questa specie. I ghiacciai sono una fonte inesauribile di cibo per gli orsi, ma con il loro venire meno, si è verificata una drammatica carestia. Gli orsi polari, solitamente, usano cacciare sui banchi di ghiaccio, in particolare, le foche che si nascondono nei cunicoli sottostanti.

--pubblicità--

La scomparsa del loro habitat, tuttavia, non è un pericolo solo per questi esemplari, ma anche per l’uomo. Infatti, il cambiamento climatico è colpevole anche dei conflitti tra uomini e animali, poiché questi ultimi, non avendo altre fonti di cibo, si avvicinano ai territori abitati. Attualmente, il WWF in Groenlandia sta contribuendo alla salvaguardia della specie e alla convivenza con gli esseri umani, garantendo la sicurezza di entrambe le parti. Anche in Russia, Alaska e Canada (dove si trova il 60% della popolazione di orsi polari) l’associazione provvede a mantenere il distacco tra animali e popolazione, allontanandoli con spari di fucile o i motori di ATV, ma senza ucciderli o ferirli. La sicurezza è garantita dalle pattuglie nei territori più a rischio, che permettono una convivenza serena.