Arrivato il freddo, ormai tutti hanno acceso i termosifoni. Ecco le regole da seguire per riscaldare l’ambiente e cercare di risparmiare in bolletta. Enea ha fornito delle regole per evitare sprechi e brutte sorprese

ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, ha fornito un vademecum di 10 regole da seguire per non avere sorprese in bolletta ora che, arrivato il freddo, si tende ad accendere spesso i termosifoni in casa. Ecco cosa fare per scaldare la casa senza però spendere troppo.

Tra le raccomandazioni di Enea c’è quello di effettuare sempre la manutenzione degli impianti perché così si consuma e si inquina di meno. Mantenere la temperatura intorno ai 19 gradi tenendo conto che la legge consente di arrivare massimo ai 22. Tener poi conto delle fasce orarie e delle zone climatiche da cui dipende anche le ore massime di accensione. Per ridurre le dispersioni di calore è consigliabile installare dei pannelli riflettenti tra muro e termosifone, oltre a chiudere persiane e tapparelle e mettere tende pesanti.

--pubblicità--

Evitare ostacoli davanti i termosifoni serve a non impedire al calore di diffondersi in camera, cosa che altrimenti porta a degli sprechi. Importante poi avere un check up energetico per valutare efficienza degli impianti per eventualmente ammordernarli. Tenere quindi degli impianti moderni è fondamentale per spendere meno. Infine, applicare le valvole termostatiche, obbligatorie nei condomini, che consentono di risparmiare fino al 20 per cento in più.

Photo credit Pixabay.it