Via la plastica usa e getta a Milano, a partire dagli uffici comunali di palazzo Marino: è partita la campagna di sensibilizzazione per locali e mense per rendere la città libera da oggetti in plastica inquinanti

Milano aspira a liberarsi dalla plastica usa e getta e comincia la sua campagna a partire dagli uffici comunali di palazzo Marino. Via quindi i bicchieri, le posate e le stoviglie usa e getta grazie a un ordine del giorno approvato all’unanimità che impegna il Comune a eliminare ogni tipo di plastica monouso. La campagna di sensibilizzazione verrà poi estesa alla città coinvolgendo bar, caffetterie e mense affinché si passi dalla plastica inquinante a contenitori e packaging biodegradabili. Gli esercenti che lo faranno saranno distinguibili grazie a un bollino plastic free presente in vetrina. Obiettivo liberare tutta Milano dalla plastica.

La strada verso la plastica biodegradabile era già stata imboccata con l’invio di una circolare, negli uffici comunali, sulla riorganizzazione della differenziata con regole stringenti da seguire, sui contenitori per raccogliere plastica e metallo a nuovi cassonetti. A palazzo Marino poi i consiglieri bevono acqua del rubinetto distribuita in caraffe e non usano le bottigliette; il rifornimento avviene poi tramite piccole case dell’acqua che la distribuiscono sia naturale che frizzante.

--pubblicità--

Come spiegano anche dalla Regione, “la battaglia contro la plastica è diventata non solo sacrosanta ma sempre più urgente”.Anche nel palazzo della Regione Lombardia si sta discutendo una proposta per invitare la giunta e il governo a ridurre la plastica. Le condizioni dei mari e delle spiagge rendono la questione inquinamento da plastica non più rinviabile.

photo credit twitter