I tappeti di casa sono pieni di tossine: lo conferma uno studio

Prodotti chimici tossici dannosi per la salute sono presenti nelle nostre case, nascoste nei tappeti: lo rileva uno studio europeo

--pubblicità--

I tappeti sono elementi presenti in diverse tipologie nelle case di tutti, nelle camere da letto, in salotto o nel bagno. Uno studio europeo ha però messo in rilievo che in varie tipologie vendute in Europa sono presenti sostanze tossiche. Si tratta del rapporto “Testing for Toxics: come le sostanze chimiche nei tappeti europei stanno danneggiando la salute e ostacolano l’economia circolare” basato sulla ricerca della Vrije Universiteit Amsterdam (Paesi Bassi), del Centro Ecologico (UC) e dell’Università di Notre Dame (USA). I test sono stati condotti su campioni di tappeti dei 7 maggiori produttori dell’unione europea.

Trovate, in diversi campioni, tracce di ftalati, composti chimici fluorurati potenzialmente cancerogeni e altri tipi di sostanze. Il rapporto si è basato su altri studi che avevano già messo in guardia i consumatori sulla presenza di 50 sostanze tossiche, potenzialmente, nei tappeti venduti in Europa. Sottolineando tutti i rischi che ne derivano soprattutto per neonati e bambini piccoli che vi vivono a stretto contatto.

La ricerca è stata così commentata: “Le sostanze chimiche che possono danneggiare la nostra salute – e in particolare la salute di gruppi vulnerabili come i bambini – non dovrebbero in primo luogo essere parte del design dei tappeti. Se l’UE è seria riguardo a un’economia circolare non tossica, non dovrebbe permettere che cancerogeni o interferenti endocrini rimangano nel ciclo produttivo, e dovrebbe spingere l’industria dei tappeti a rimuovere del tutto le tossine”. L’auspicio è che arrivi un quadro normativo che soddisfi standard sanitari e ambientali con i produttori capaci di garantire prodotti sani e i governi che eliminino la possibilità di utilizzare sostanze chimiche pericolose.

photo credit pixabay