Storione: la specie minacciata dal commercio illegale di caviale

0
1075
Storione

Ben 16 specie di storioni nel mondo rischiano di scomparire a causa del commercio illegale e di una falla nel sistema di etichettatura internazionale, evidenziato da WWF e TRAFFIC.

Nel Mondo esistono ben 27 specie diverse di storione, e ben 16 rischiano di scomparire per sempre. La minaccia giunge dal commercio e dal consumo illegale di caviale e a suonare il campanello d’allarme è il dossier “Capire il mercato globale del caviale” condotto da TRAFFIC e WWF e pubblicato nel corso dell’ultima conferenza della CITES, la Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione.

Il documento evidenzia come il sistema di etichettatura CITES del caviale sia carente proprio nei paesi più importanti per la presenza e per il consumo del prodotto: Cina, Francia, Germania, Giappone, Federazione Russa e Stati Uniti. In quanto membri CITIES, dovrebbero usare il sistema di etichettatura prestabilito, ed universalmente riconosciuto, per contrastare il fenomeno illegale del commercio di caviale non autorizzato. Da quanto si apprende, però, non tutti i paesi rispettano la prassi; solo Francia e Germania, infatti, applicano il coretto modo di etichettare per quanto riguarda il loro commercio interno.

La vendita di storioni è ormai regolamentata da 20 anni, ma nonostante ciò la vendita illegale continua ad esistere e risulta difficile contrastarla. Secondo l’indagine di TRAFFIC e WWF il commercio illegale di caviale è un’attività costante che non conosce crisi: “Questo studio dimostra come un’etichettatura non adeguata rappresenti un problema serio, rendendo difficile per le autorità, i produttori, i consumatori e le forze dell’ordine individuare merce non autorizzata o illegale” – Ha spiegato Hiromi Shiraishi, tra gli esponenti della ricerca.

Questo fenomeno, nei principali mercati domestici come gli USA, la Cina o la Russia, sta mettendo seriamente a rischio lo stesso sistema di etichettatura internazionale, nato proprio per garantire scambi legali e tracciabili, e la sopravvivenza di alcune popolazioni di storioni selvatici, che stanno man mano scomparendo. Gli storioni del Mar Caspio, ma anche quelli europei, stanno diminuendo drasticamente e vi sarebbero segnalazioni di azioni di bracconaggio ittico in Russia e negli Stati Uniti. Questo accade anche perché si ritiene che il caviale ricavato dagli storioni selvatici sia più prelibato di quello proveniente dagli storioni allevati. Un fenomeno duro da debellare, ma con l’unione e il rispetto delle norme vigenti potrebbe essere possibile. Secondo Beate Striebel, coordinatrice della strategia per la conservazione dello storione del WWF “i paesi che aderiscono alla CITES devono urgentemente dare attuazione alle regole e reprimere la vendita illegale di caviale selvatico. Se non eliminiamo il bracconaggio e il commercio illegale, gli storioni spariranno”.

storione

 

Photo Credits Pixabay