riso biologico

Impiego di pipistrelli nell’agricoltura biologia del riso per diminuire l’utilizzo dei pesticidi e, allo stesso tempo, per la salvaguardia di questi particolari animali. Il progetto nasce dalla biologa Laura Garzoli con il sostegno dell’Istituto Studio Ecosistema.

Si chiama “YES!BAT’” il progetto per la salvaguardia dei pipistrelli e il loro impiego in agricoltura biologica, soprattutto nelle risaie. Sviluppato dalla biologa Laura Garzoli, il progetto è ospitato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto per lo Studio degli Ecosistemi di Pallanza di Verbania.

L’idea è quella di sostenere lo sviluppo di coltivazioni sostenibili di riso biologico attraverso l’installazione di 60 bat box in prossimità delle risaie della zona. Piccole scatole pensate per ospitare i piccoli mammiferi volanti, i quali in cambio provvederanno in modo istintivo al controllo degli insetti dannosi per le piante, e non solo. Il progetto affiancherà un programma di chirosorverglianza che servirà a controllare e monitorare le tipologie di insetti presenti sul territorio. L’obiettivo di questa innovativa iniziativa, oltre alla salvaguardia dei chirotteri (i pipistrelli), è quello di eliminare l’utilizzo di pesticidi nella produzione di riso.

--pubblicità--

riso biologico

Photo Credit Pixabay