L'Acquario di Parigi offre una casa ai pesci rossi abbandonati

Mai più pesci rossi abbandonati o gettati negli scarichi: l’Acquario della città di Parigi offre loro un rifugio per donare loro seconda vita, prendendosi cura di loro 

Un rifugio per i pesci rossi che non hanno più una casa perché vengono abbandonati da chi superficialmente li acquista in negozi di animali o durante le fiere, e poi li getta magari negli scarichi. Ci pensa l’Aquarium de Paris che appunto accoglierà in quello che è il più grande acquario della città i pesciolini senza una casa per offrire loro una seconda vita.

Tutti gli abitanti della città possono portare all’Acquario di Parigi i propri pesci rossi: qui essi verranno sottoposti a controlli medici ed eventualmente curati, per poi essere rilasciati in una grande vasca, molto più grande delle vasche domestiche, dopo un mese di quarantena. Spesso infatti i pesci non arrivano in buone condizioni e c’è bisogno di curarli. Nato due anni fa, il ricovero per i pesci rossi viene usato da almeno 50 persone al mese, e ora questa grande vasca contiene circa 600 esemplari, dai classici della specie rosso- oro a quelli a strisce.

--pubblicità--

Qui i pesciolini hanno spazio per nuotare, oltre che a tanta compagnia. E, stando a quanto riferiscono i responsabili, la situazione in questo nuovo ambiente permette loro una crescita notevole: alcuni di loro possono raggiungere le dimensioni di 20-30 centimetri, mentre un ambiente piccolo ostacola la loro crescita. Promuovere questo servizio serve dunque per aumentare la consapevolezza sul benessere di tutti gli animali, per trovare soluzioni quando non si voglia più tenere un animale domestico con sé: “penso che ci sia una crescente consapevolezza che il maltrattamento degli animali sia un vero problema”.

Photo credit: Pixabay.it

LEGGI ANCHE: