Cambiamenti climatici, estate anomala: pianeta più caldo di cinque gradi

Estate anomala con eventi estremi in molte parti del pianeta: i cambiamenti climatici potrebbero portare il pianeta a registrare ben cinque gradi in più entrando nel pericoloso stato di serra bollente

Un estate bollente ha colpito quest’anno l’Europa, con temperature molto al di sopra della media rispetto al periodo; in nord Europa ci sono stati picchi di calore che hanno causato incendi, chiusura di centrali nucleari e perdita di raccolti. La Finlandia ha toccato i 30 gradi centigradi, in Danimarca si è avuto il maggio più caldo di sempre per il Paese, mentre la Svezia ha subito uno dei più vasti incendi della storia. Nei Paesi Bassi, a luglio, stato d’allerta in numerose città con 12 ponti di Amsterdam che non potevano più essere aperti a causa del metallo espanso.

Andando più verso il continente, in Germania il caldo record è iniziato ad aprile; in Francia sono state invece chiuse alcune centrali nucleari perché era troppo calda l’acqua di raffreddamento. Incendi devastanti hanno colpito Atene e varie zone della Grecia. Si presume che il prossimo rapporto sul riscaldamento globale non conterrà buone notizie.

--pubblicità--

Secondo il centro di ricerca  Stockholm resilience center la Terra sta entrando in una nuova e pericolosa fase di riscaldamento con le temperature che potrebbero assestarsi al di sopra dei temuti 2 gradi: arriverebbe per il pianeta lo stato di “serra bollente”. L’aumento delle temperature e in generale i cambiamenti climatici porteranno alla fusione del ghiaccio marino artico estivo, al disgelo del permafrost, alla perdita di metano dal fondo dell’oceano e alla riduzione del ghiaccio marino antartico. Un pericoloso effetto di “Hothouse earth” a cui il pianeta rischia di arrivare.

Photo credit: Pixabay.it

LEGGI ANCHE: