Lo stadio di Amsterdam è il più grande accumulatore d'energia in Europa

Si tratta del più grande sistema di accumulo di energia in un edificio commerciale quello in funzione nella Johan Cruijff Arena di Amsterdam: l’energia sfrutta un impianto fotovoltaico le cui batterie provengono dalle Nissan Leaf elettriche

Un graduale e continuo processo di riduzione del proprio impatto ambientale per lo stadio di Amsterdam, la Johan Cruijff Arena, che dallo scorso 29 giugno si è trasformato nel più grande sistema di accumulo di energia d’Europa: sfrutta infatti l’energia prodotta da dei pannelli fotovoltaici utilizzando 3 megawatt di batterie provenienti dalle Nissan Leaf elettriche. Si tratta del primo progetto di questa tipologia e grandezza in un edificio commerciale, ed è stato realizzato grazie alla collaborazione fra Nissan, Eaton, BAM, The Mobility House e la Johan Cruijff ArenA, con il sostegno dei fondi Amsterdam Climate and Energy Found (AKEF) e Interreg.

Il sistema di accumulo di energia di Amsterdam può fornire energia per un’ora durante un evento, un concerto o una partita di calcio: si tratta dell’energia equivalente per ricaricare 500 mila cellulari. Il costo dell’opera non è noto, ma si prevede un rientro nelle spese in dieci anni con una durata delle batterie stimata fra i dieci e i quindici anni. L’impianto sfrutta le batterie di circa 150 Nissan Leaf elettriche, di cui due terzi nuove e un terzo rigenerate: questo perché le batterie delle auto, anche se considerate esauste, possiedono circa il 70 per cento della loro capacità di accumulo.

--pubblicità--

Le batterie vengono alimentate da un impianto fotovoltaico che si trova sul tetto dello stadio. L’energia che non riesce ad essere prodotta dal sistema per essere sufficiente è comunque rinnovabile e viene prodotta da un impianto eolico a nord di Amsterdam. In questo modo lo stadio immagazzina una grande quantità di energia che gli permette di essere autonomo anche in caso di black out: diventa così uno degli stadi più sostenibili al mondo oltre a fare da apripista per progetti del genere negli edifici.

Photo credit: Twitter.com