Vietata ogni forma di caccia alla fauna selvatica nel Sudan del Sud

In Sudan molte specie animali sono minacciate dalla caccia e, in modo collaterale, dal conflitto che devasta la nazione: il governo ha per questo bandito ogni forma di caccia alla fauna selvatica

Il Sudan del Sud ospita specie animali di grande importanza: elefanti, leoni e giraffe che insieme ad altri si spostano verso la nazione in cui avviene la seconda più grande migrazione al mondo di mammiferi terrestri. La sopravvivenza della fauna selvatica è però minacciata: in primis dal bracconaggio finalizzato alla vendita successiva delle parti degli animali, e in modo collaterale dal conflitto che devasta la nazione dal 2013. Molti muoiono infatti per colpa della guerra, e molti vengono uccisi dalla popolazione a causa della mancanza di cibo.

Per porre freno a questo fenomeno e salvaguardare il patrimonio faunistico del Sudan del Sud, il Ministero della Conservazione della fauna e del turismo ha bandito ogni forma di caccia alla fauna selvatica, che si estende al divieto di commercio di trofei di caccia e prodotti ricavati da essa, come pelle, pelliccia e carne. Nel Paese vengono infatti venduti apertamente nei mercati parti di animali uccisi nei parchi nazionali, dove persone armate uccidono esemplari a caso senza distinguere tra anziani e giovani.

--pubblicità--

Da un rapporto riguardante l’impatto della guerra civile sulla popolazione faunistica del Sudan del Sud è emerso infatti che le specie animali principali hanno subito un brusco calo delle popolazioni. Nel Paese vivevano, negli anni ’70, circa 80 mila elefanti: ora ne rimangono appena 370 unità. Le giraffe rischiano invece l’estinzione a livello locale. Per questo motivo è importante, tramite una legge, cercare di proteggere la fauna del Paese, importante anche per le stesse comunità locali: gestire correttamente i parchi può migliorare e stabilizzare la regione, che per la varietà di animali presenti è una buona meta per l’ecoturismo. Questo però rappresenta soltanto l‘1,8 per cento del Pil nazionale: salvaguardare gli animali può essere un modo per rilanciare l’economia.

Photo credit: Pixabay.it